Demolizione Ponte, Di Maio attacca e Toti replica in Tv

Adjust Comment Print

La società Autostrade per l'Italia pubblica on line, rendendo "pubblico e accessibile a tutti i cittadini", il testo della convezione in essere con il ministero delle infrastrutture e trasporti, con tutti gli allegati. "E' importante sottolineare - conclude la società - che nessuna norma interna o prassi internazionale prevede la pubblicazione di tali documenti relativi alle concessioni autostradali".

"Se ad Atlantia stiamo per togliere le concessioni - scrive Di Maio su Fb - figurarsi se le faremo ricostruire il ponte". Ed è per questo che Toninelli pubblica una lettera dalla quale si evince come avesse dato mandato alla dirigenza del Mit "di tirare fuori tutti gli atti, gli allegati e il Piano finanziario connessi alla convenzione" procedendo senza indugio alla pubblicazione degli Atti Convenzionali.

Oggetto di lavori di ordinaria manutenzione sono, dunque, le pavimentazioni, le opere d'arte e giunti, le gallerie, altri elementi del corpo autostradale, le barriere di sicurezza e la segnaletica, il verde e la pulizia, le operazioni invernali, gli edifici di servizio e le forniture varie. "Dovrà quindi risarcire il danno sull'autostrada, quelli causati dal crollo, gli immani danni morali, civili che ha arrecato alle famiglie delle vittime, alle case, alle imprese, ai cittadini". "Nel frattempo, dati del mio ministero, gli investimenti sono calati del 20% rispetto al 2015 e per la manutenzione si sono spesi appena 646 milioni, il 7% in meno rispetto all'anno prima", ha spiegato Toninelli.

Migranti: Ue, 'minacce non portano da nessuna parte'
Assicura che questo non porterà a un'Italexit ma "significa - chiarisce - mai più piedi in testa sull'immigrazione ". I Paesi europei non hanno avanzato alcuna concreta apertura per risolvere il caso della nave Diciotti .

Pronto il commento del ministro dei Trasporti Toninelli. Ogni dibattito su come dovrà essere gestito in futuro il sistema delle concessioni, ogni azione che il Governo intenda intraprendere nei suoi rapporti con società Autostrade, compresa la procedura di revoca, ove questa andasse avanti, ogni considerazione su possibili nazionalizzazioni (io resto contrario a questa ipotesi legata al passato), tutti questi sono senza dubbio legittimi temi di dibattito politico in Parlamento, ma non possono e non debbono essere portati avanti sulla pelle dei genovesi, dei liguri e del primo sistema portuale del paese. Poi il ministro ha definito la privatizzazione di Autostrade "la grande corsa al cemento dei privati" voluta dal governo D'Alema nel 1999, una privatizzazione che non ha assicurato quel calo dei pedaggi che, a dire di Toninelli, era logico aspettarsi. E vi dico di più: "nelle prossime ore saranno via via online sul sito del ministero tutti gli atti delle altre convenzioni".

Oggi a Genova si è tenuto il vertice tra i magistrati che si occupano delle indagini sul crollo del Ponte Morandi, i consulenti tecnici della Procura e i membri della nuova commissione ispettiva del Mit, rinnovata dopo l'uscita di scena del provveditore alle OO.pp. Roberto Ferrazza e l'ingegner Brencich. Al momento - ha sottolineato Cozzi - "non abbiamo ricevuto alcuna istanza di dissequestro".

Comments