Borghi, su Cucchi troppa omertà - Ultima Ora

Adjust Comment Print

Come è potuto accadere che in uno Stato di diritto come il nostro, sotto la sua tutela e in un luogo come il carcere da esso governato, un ragazzo di soli trent'anni accusato di spaccio di sostanze stupefacenti, sia stato prima picchiato da uomini in divisa, poi trasferito da un ospedale all'altro della Capitale e, infine, tenuto nascosto alla sua famiglia in un'angusta stanza del Regina Coeli per un'intera settimana, per sette lunghissimi giorni, non permettendo loro di sapere in che condizioni di salute fosse? Il re di Suburra ha perso 18 chili per entrare nei panni del giovane e la stessa sorella di Cucchi, Ilaria, si è complimentato con lui per la "somiglianza" dimostrata nella pellicola che oggi l'ha fatta da padrone al Festival del Cinema ma che presto, il 12 settembre, sarà nei cinema e su Netflix.

Così Alessandro Borghi parla del suo ruolo e "della voglia di fare questo film e questo personaggio raccogliendo la "sfida civica". "In un mondo stellare questo film ci porterebbe alla sentenza, ma non succederà". "È spaventoso che chiunque si sia trovato a tu per tu con questa storia si sia voltato dall'altra parte" ha detto il protagonsta Alessandro borghi che l'anno scorso è stato il padrino del Festival.

Venezia 75, partenza con applausi per Borghi-Cucchi - Foto
Venezia 75: Sulla mia pelle, recensione del film su Stefano Cucchi con Alessandro Borghi

Il film "è un atto dovuto", precisa la Trinca, che conobbe Ilaria Cucchi anni fa, dopo aver recitato un passo dell'Antigone durante una commemorazione in onore di Stefano. Molto studio e confronto di diverse opinioni.

"A Stefano Cucchi, tra le tante persone che ha incontrato nella sua tragica vicenda, nessuno ha mai dato davvero una mano, nessuno si è preso le sue responsabilità". "Le violenze che accadono ogni giorno nelle carceri non si giustificano, ma spesso ci si dimentica delle difficili condizioni in cui versano quelle strutture e in cui lavorano migliaia di persone, bisogna intervenire subito".

Altroconsumo: "Dazn intervenga, estenda mese gratuito"
Il comunicato pubblicato ieri sul sito dell'Antitrust si conclude dicendo: "Tali comportamenti potrebbero integrare distinte pratiche commerciali scorrette in violazione degli artt".

Comments