Salvini vs Macron: "ipocrita, ha respinto 48 mila migranti"

Adjust Comment Print

In tutto questo il premier ungherese che si bea dell'alleanza in salsa tricolore utile per continuare a perseguire la sua idea di politica estera.

Il messaggio è chiaro ed è prontamente stato raccolto da Salvini che ha controreplicato: "Il principale avversario di Macron, sondaggi alla mano, è il popolo francese".

Infatti, da quando gli è scoppiato tra le mani il caso della sua particolarissima guardia del corpo, Alexandre Benalla, Macron non è più lui. "Alcuni vogliono rompere l'Europa e la sua solidarietà" ha scritto su Twitter, mentre è in visita a Helsinki. Terreno di battaglia principalmente l'immigrazione, ma non solo.

Se da un lato c'era stata la benedizione da parte di Marine Le Pen, dall'altra l'incontro da Salvini e Orban non è certamente andato giù a Emmanuel Macron, che ha parlato in merito a quelle che sono state le considerazioni da parte di entrambi.

Primo weekend di settembre con il maltempo
Durerà poco la fase di bel tempo che si è aperta oggi , con temperature nella media o leggermente al di sopra. Bassa probabilità di fenomeni forti su AD, alta probabilità su BCE.

No ai populisti e ai demagoghi.

Per Macron "ci troviamo di fronte a una scelta che impone di costruire una nuova tappa, altrimenti questa Europa si sfascera' di fronte ai rischi geopolitici e alle sue stesse divisioni".

"Macron dovrebbe occuparsi dei francesi". La Francia è più o meno "accogliente" dell'Italia? "Come amministrazione ci siamo messi a disposizione e stiamo agendo con buon senso rendendoci disponibili sia al ministro che alla Chiesa". È accoglienza questa? Sicuramente delle brutalità del genere non sarebbero possibili, né tollerate in Italia. Tante sono state le ondate migratorie respinte, molte persone non accolte entro i confini nazionali. Al termine di tre giorni in Nord Europa per me la scelta è semplice. Diventato presidente con la promessa di riformare l'Ue, ha dovuto fare i conti con il cambio di governo in Italia, che ha portato a un cambio di equilibri all'interno dell'Unione europea.

Agenpress. "Macron, che fa il buono, l'anno scorso alle frontiere con l'Italia ha respinto 40 mila immigrati, quindi è un buono molto particolare". Tant'è che proprio ieri, le Figaro, il grande quotidiano francese (è il più diffuso) che solitamente, tra l'altro, è tenero con Macron, è arrivato a scrivere, nell'editoriale di prima pagina redatto da Vincent Trèmolet de Villiers che "il progetto di Macron è quello di scegliere di non scegliere".

Comments