Scritta contro Salvini sull'ingresso della sede della Lega: la denuncia di Calenda

Adjust Comment Print

Non manca chi, tra gli alleati del vicepremier, ha sottolineato che di fatto la Lega di Salvini costituisce già un partito diverso rispetto a quello storico guidato da Umberto Bossi. In un'intervista concessa a Radio24, il leader della Lega ha spiegato: "Non posso pretendere che l'anno prossimo tutti paghino il 15% di tasse".

"Cercheremo di rispettare tutti i vincoli imposti dall'Europa, ma prima viene il benessere degli italiani". Proseguendo, Salvini si è scagliato contro i mercati è ha tuonato: "Dubbi dei mercati?"

Salvini continua a mettere in saccoccia i consensi costruiti attraverso una campagna elettorale permanente, che però come registrano gli istituti di sondaggi, paga. "Facciano quello che vogliono, la Lega ci sarà e il nome Lega non si tocca".

"Questa mattina sono stata costretta a segnalare alle forze dell'ordine un grave episodio che ha interessato la mia attività politica".Così la cosigliera regionale della Lega, Filomena Calenda, che ha denunicato atti vandalici nella sede del partito a Isernia. "Io parlo di asili nido, di quello che serve alla gente". Perché la Lega è il popolo e il popolo non lo ferma nessuno. Abbiamo un programma di governo e quello rispettiamo. "Siamo nati senza una lira in tasca e continueremo anche senza una lira in tasca", aggiunge il vicepremier che poi continua: "Noi non facciamo politica in base ai soldi e alle sentenze di questo o di quel magistrato".

Cairo: "Solo la Juventus ha investito più del Torino. CR7..."
Si può essere decisivi in modi diversi, ma è importante non avere musi lunghi. Nessun figlio o figliastro, ma solo giocatori che fanno vincere il Torino .

La vicenda sta accendendo il dibattito nel centrodestra e trapelano le indiscrezioni sulla possibile nascita di un nuovo partito come strumento utile sia per evitare il sequestro sia eventualmente per unire esponenti in crisi con Forza Italia.

Anche ieri, a Bargamo, Salvini era intervenuto sul nodo degli impegni Ue ma anche sulle vicende legate al processo che coinvolge la Lega. "A tasche piene o a tasche vuote, colpevoli o innocenti". Ma la percezione è che anche a livello parlamentare la nuova Lega potrebbe presto divenire la casa di chi è iscritto ad altri gruppi.

Salvini ha parlato anche di migranti, manovra e della situazione in Libia: "Sono in contatto diretto con i nostri uomini: militari, diplomatici, addetti dell'Eni che in Libia vivono rischi portati da un intervento militare senza senso", ha assicurato.

Comments