Vuelta: settima tappa a Gallopin

Adjust Comment Print

E c'è un Sagan che, da campione del mondo, non riesce a prevalere mentre Rudy Molard non molla la presa sulla maglia rossa alla vigilia della salita.

Domani la prima prova davvero importante con un arrivo in salita molto duro.

Il 29enne americano, esausto dopo l'arrivo, conquista la sua seconda tappa in un grande giro, dopo la 4^tappa di questa Vuelta, terza vittoria "europea" in carriera. Mi sento bene e sono sorpreso per questo risultato. "Adesso andiamo a scoprire come andrà la tappa di domani che si annuncia difficile". Intanto Valverde si gode un sabato trionfale: "vittoria di tappa, successo numero 13 nella stagione 2018, i 10" di abbuono per consolidare il secondo posto e un primato sempre più saldo nella classifica a punti, grazie alla quale l'eterno Valverde indossa in corsa l'apposita maglia verde.

Va forte Alejando e continua a mantenere quelle caratteristiche di scalatore esplosivo e capace di sorprendere gli avversari anche negli arrivi in volata.

Arrivano le grandi montagne alla Vuelta a Espana 2018.

Genova, crollo ponte Morandi: video Autostrade non manomesso, acquisito filmato di un’azienda
A spiegarlo è stato l'ad di Autostrade Castellucci, nel giorno in cui la società ha presentato il suo piano a Genova . Tra questi c'è il video di una telecamera fissa di una azienda con sede in corso Perrone .

Per nostra fortuna, lo Squalo ha poi affermato che non è venuto in Spagna per fare classifica e che la forma, in vista del Mondiale di Innsbruck, stava crescendo sempre di più.

L'unico italiano che potrà lottare per le posizioni migliori nella classifica generale della Vuelta 2018 è Fabio Aru. Valverde si è aggiudicato una bellissima frazione della corsa a tappe spagnola. Indicazioni importanti mi sono arrivate da Martin che qui ha vinto nel 2013. Subito dopo il via hanno preso il largo Tiago Machado (Katusha-Alpecin), Jorge Cubero (Burgos-BH) ed Hector Saez (Euskadi-Murias). Il gruppo li ha lasciati andare e i tre battistrada hanno raggiunto un vantaggio massimo di 12 minuti.

Solo Machado ha cercato di resistere, ma anche lui è stato poi riagganciato dopo qualche chilometro. Primo dunque lo spagnolo, seguito da Sagan e da Van Poppel.

I chilometri da percorrere saranno tanti e a rendere più insidiosa la frazione, ci saranno 4 GPM.

Comments