Il Commissario europeo al Bilancio Oettinger: "L'Italia vuole distruggere la Ue"

Adjust Comment Print

Il progetto europeo è in "pericolo di morte", minacciato da avversari sia dentro sia fuori dall'Unione. È questo il pensiero, fortemente preoccupato, di Günther Oettinger. E alcuni, dall'interno, puntano a indebolirlo, o addirittura a distruggerlo, come "la Polonia, l'Ungheria, la Romania e il governo italiano".

Un altro rischio per Oettinger è rappresentato dalle guerre commerciali attuate da autocrati come il presidente russo Putin, il presidente turco Erdogan e "i furbi cinesi".

(Teleborsa) - Seriamente preoccupato per il futuro dell'Europa il commissario Ue al Bilancio, Guenther Oettinger.

Ryanair: migliaia di clienti scelgono il nuovo bagaglio più economico
Sì, una piccola borsa da 5 kg può essere trasportata gratuitamente dai clienti che viaggiano con un bambino sotto i 2 anni . In questo caso bisognerà pagare una tariffa pari a 25 euro sul bagaglio che sarà imbarcato in stiva .

La rapida approvazione del prossimo bilancio Ue da parte dei leader nazionali e del Parlamento europeo però, per il commissario, dimostrerebbe che l'Europa è ancora capace di agire, nonostante queste sfide.

Oettinger non ha risparmiato critiche neanche al governo tedesco, colpevole di mostrare un entusiasmo non sufficiente per l'Ue, in particolare quando si parla del bilancio. Che a Oettinger non andasse a genio il governo M5s-Lega, lo si era capito subito.

Nella lettera, firmata dal presidente della Fieg, Andrea Riffeser Monti, e dal presidente dell'Enpa, Carlo Perrone, si legge che gli editori "vogliono difendere la democrazia e il diritto dei 150 milioni di lettori europei ad una libera Stampa". In questo senso, il commissario ricorda il socialdemocratico Olaf Scholz (ex capo del dicastero del Lavoro e degli Affari sociali), attuale vice-cancelliere e ministro delle Finanze, definito "un tesoriere ancora più severo in questo senso" rispetto al suo predecessore conservatore Wolfgang Schäuble. "La decisione di Sarkozy di invadere e attaccare la Libia, all' epoca - prosegue - ha terribili conseguenze non solo per l'Italia, ma per le popolazioni locali che ora devono affrontare i terroristi islamici e una fortissima instabilità politica".

Comments