Damascelli: "Italia, ma dove vogliamo andare? Mancini dovrebbe aver capito che…"

Adjust Comment Print

Dove può andare questo benedetto e maledetto calcio italiano se non riesce a riempire uno stadio per la nazionale di Mancini, un allenatore che qui ha incominciato la sua avventura con il pallone? A salvare gli azzurri una ripresa giocata con coraggio e veemenza e l'ingresso decisivo di Chiesa, dopo un primo tempo in cui si sono viste voglia e intensità ma poca efficacia e un po' di confusione con un Balotelli apparso decisamente fuori forma, chiuso in svantaggio dopo che il napoletano Zielinski aveva sfruttato al meglio la seconda delle due occasioni concesse dalla difesa azzurra.

Un tempo per capire gli errori, un tempo per capire quello che si deve fare per ricostruire il progetto Azzurro. E invece il pari con la Polonia è grasso che cola visto il primo tempo da codice rosso giocato dagli azzurri contro avversari più avanti di noi. "Ora lunedì a Lisbona non abbiamo margini di errore".

Test di Medicina 2018, oggi la prova per 67mila aspiranti camici bianchi
Sono invece i rappresentanti del Fronte della Gioventù Comunista e anche loro esibiscono uno striscione contro i test . Uno di loro col megafono intona un canto: "Il numero chiuso all'università serve per tagliare sulla sanità".

Italia (4-3-3): Donnarumma; Zappacosta, Bonucci, Chiellini, Criscito; Benassi, Jorginho, Pellegrini (1' st Bonaventura); Bernardeschi, Balotelli (17' st Belotti), Insigne (26' st Chiesa). (1 Szczesni, 12 Skorupski, 2 Pietrzak, 4 Kedziora, 6 Dzwigala, 7 Milik, 14 Frankowski, 17 Kadzior, 19 Kaminski, 23 Piatek). Jorginho su rigore risponde a Zielinski. Ammoniti: Chiellini, Kich, Blaszczykowski per gioco scorretto; Fabianski per comportamento non regolamentare. La sfera arriva a Lewandowski, che dalla fascia sinistra crossa in area di rigore.

Marcatori: 40' Zielinski (P), 33' st rig.

Comments