Portogallo-Italia, Mancini può cambiare: Chiesa verso una maglia da titolare

Adjust Comment Print

Fernando Santos teme la voglia di rivalsa dell'Italia alla vigilia della sfida di Lisbona che vedra' il Portogallo fare il suo debutto in Nations League. La formazione di domani ancora la devo scegliere, la notte porterà consiglio. No. Chiesa? E' probabile che sarà titolare, sì. Prima o poi troveremo la formula giusta. "Speriamo di trovarla in fretta".

Le critiche: "Ognuno la vede come vuole, tutti hanno la propria idea, non mi preoccupo". Si può anche essere abituati e non leggo neanche tanto. Sono abbastanza cosciente del fatto che in una gara ci possono essere degli errori, ma bisogna anche guardare cosa si può fare e se ci sono state cose più o meno buone. Quali errori commessi con la Polonia non bisognerà ripetere?

Nuovo trailer per 'Halloween': L'omicida Mike Myers torna in vita
Non proseguirà, dunque, la saga come la conosciamo e non terrà conto di quello che è successo all'interno del franchise finora. Si avvicina sempre di più la data d'uscita di Halloween , il nuovo film della saga iniziata con il film horror del 1978.

La gara di Bologna: "Quel che non è andato nel primo tempo sono stati gli errori sui passaggi, sul gol e sulla parata di Donnarumma su Zielinski". Poi quando attacchiamo dobbiamo avere più giocatori in area. "No, ne ha fatto uno".

Sul Portogallo senza Ronaldo - "Sono comunque i campioni uscenti in Europa, con CR7 sono più forti, ma è anche normale che facciano altre prove quando lui non c'è". C'è un viaggio di mezzo, non siamo al massimo della condizione. Balotelli? Uno può anche giocare male quando entra in campo. Non è una mia grande preoccupazione. "Ci vorrà un po' di tempo". Sulla fascia certo del posto invece è Federico Chiesa, che il posto se l'è guadagnato sul campo. Gagliardini? Penso sia un ottimo giocatore e abbia delle qualità. Ho detto che hanno giocato pochi italiani, alcuni mi hanno attaccato per questo. "Domani sarà pieno di tifosi, a volte non pensano, sono spensierati, mi aspetto anche quello". Per me ci sono giocatori bravi e che meritano di giocare, abbiamo questa difficoltà e dobbiamo trovare una soluzione. Infine Mancini ha difeso anche la sua scelta di giocare con un centrocampo a 3: "Io non sono così negativo come molti di voi hanno scritto e visto la partita, non penso così negativamente. Non sarà facile, ci sono molti giocatori tecnici e la filosofia della squadra non cambia". È migliorato con l'andare dei minuti.

Comments