Siria. Idlib, in piazza per la pace e contro Assad

Adjust Comment Print

L'ha affermato l'Osservatorio siriano per i diritti umani. L'inviato speciale in Siria del segretario generale delle Nazioni Unite, Staffan de Mistura, ha fatto sapere che il regime ha concesso fino al 10 settembre alla diplomazia, dopo di che sferrerà l'attacco. Quella che si prospetta come l'ultima grande battaglia della guerra siriana, che dura ormai da sette anni e nella quale sono morte quasi mezzo milione di persone, è indispensabile al presidente Bashar al-Assad per riconquistare tutto il territorio nazionale, ma rischia di causare una catastrofe umanitaria.

Circa 60 raid aerei russi hanno colpito il sud e il sudest della provincia di Idlib in meno di tre ore. E come in altre aree controllate da ribelli vicini ad Ankara, la Turchia in seguito addestrerebbe una forza ribelle per garantire la sicurezza di Idlib. La matassa da sciogliere è iper aggrovigliata, ma Putin ci ha investito tempo e tanto denaro, e il Cremlino deve ottenere una qualche vittoria da mostrare ai propri cittadini innervositi dalla crisi economica.

Il caffè Starbucks a Milano serve per fare conversazione
Grandi protagonisti del locale, infatti, sono l'espresso - con miscele raffinate e non tradizionali - e il cappuccino . Dopo il documentario, piazza Cordusio diventerà il teatro a cielo aperto per l'esibizione dei ballerini della Scala.

Mosca è tornata a ribadire che i ribelli potrebbero organizzare nuovi attacchi chimici a Idlib, continuando su una campagna di disinformazione preventiva che servirà a Putin per togliersi di dosso accuse umanitarie che ne metterebbero in cattiva luce il ruolo di interlocutore e garante di tutte le parti (che la Russia da sempre vuol darsi) se qualcuno dei suoi alleati, per esempio il regime stesso, dovesse decidere di usare armi non convenzionali per fiaccare la psicologia dei nemici ribelli - come già successo in passato.

Comments