Bachelet: violenza e razzismo in Italia, invieremo un team Onu

Adjust Comment Print

"Questo tipo di atteggiamento politico e di altri sviluppi recenti hanno conseguenze devastanti per molte persone già vulnerabili", ha accusato Bachelet.

L'Alto Commissario per i diritti umani Michelle Bachelet ha annunciato, aprendo i lavori del Consiglio dell'ONU, l'invio di ispettori in Italia e Austria: il tema è quello del razzismo. "Quindi non accettiamo lezioni da nessuno, tantomeno dall'Onu che si conferma prevenuta, inutilmente costosa e disinformata", ha insistito il capo del Viminale, sottolineando che "le forze dell'ordine smentiscono ci sia un allarme razzismo".

Il monito è arrivato dalle Nazioni Unite, dalla voce del neo Alto commissario per i diritti umani, Michelle Bachelet.

"L'Italia ha sollecitato le organizzazioni internazionali delle quali fa parte a condividere lo sforzo in uno spirito di equa e concreta solidarietà - si legge ancora nel comunicato - Più volte, la tragedia delle migrazioni e il suo impatto in Europa è stata portata all'attenzione dell'Unione Europea, poiché pensiamo che dovrebbe attivarsi con ben più efficacia e reale condivisione di quanto abbia fatto sinora".

Salvini frena sui magistrati: "Non c'è nessun golpe giudiziario"
Il Ministro ha appeso ad una parete del suo ufficio il foglio che gli è stato fatto recapitare dalla procura di Palermo . Il ministro dell'Interno, Matteo Salvini , continua a seguire la linea del rimpatrio dei migranti.

Anche la Farnesina guidata da Enzo Moavero Milanesi reagisce con un comunicato sulla stessa linea di Salvini. "Prima di fare verifiche sull'Italia, l'Onu indaghi sui propri Stati membri che ignorano diritti elementari come la libertà e la parità tra uomo e donna". "Il vicepremier lancia anche un monito: "'L'ONU costa miliardi di euro e l'Italia dà più di 100 milioni all'anno di contributi. Ragioneremo con gli alleati sull'utilità di continuare a dare questi soldi".

L'Alto commissariato dell'ONU per i diritti umani è inoltre intenzionato a vederci più chiaro su un supposto aumento dei casi di razzismo nella Penisola.

Alza la voce il ministro dell'Interno Matteo Salvini che dai social tuona: "L'Italia negli ultimi anni ha accolto 700mila immigrati, molti dei quali clandestini, e non ha mai ricevuto collaborazione dagli altri Paesi europei". Ma si tratta pur sempre di numeri che in termini percentuali sono davvero frazionali. Così rinasce il vecchio e sporco colonialismo francese e si riafferma, in un'epoca in cui cerca di penetrare anche i confini d'Europa grazie ad aggressive azioni economiche a danno del nostro paese.

Intanto la situazione è cambiata, le politiche anti immigrazione sia del predecessore di Salvini, Marco Minniti, e la chiusura alle ong hanno drasticamente ridotto gli sbarchi dell'80%, spostando le rotte migratorie nel mediterraneo verso la Spagna.

Comments