Fenati: "Scusate, torno a lavorare in ferramenta"

Adjust Comment Print

Un gesto folle, un vero e proprio attentato alla vita di Manzi che per fortuna ha avuto la prontezza di controllare il mezzo.

Nel frattempo, sul sito personale, Romano Fenati si scusa: "Questa mattina, a mente lucida, avrei voluto che fosse stato solo un brutto sogno". L'ex pilota del team Snipers si potrà difendere dai suoi legali e contestare tale decisione. È uscita un'immagine di me e dello sport tutto, orribile. E' sicuramente difficile per un giovane essere al centro delle critiche e non aver più il sostegno di una squadra, ma purtroppo sono le giuste conseguenze di un gesto pericoloso e antisportivo. Per quanto riguarda il contratto che lo pone come pilota MV Agusta Moto2, mi opporrò in ogni modo. "È un gesto imperdonabile, un avversario che prova ad ammazzare un rivale ad oltre 200 all'ora, tirandogli la leva del freno, è semplicemente imperdonabile". Io sono sempre sceso in pista per vincere. L'anno scorso sono stato uno dei pochissimi a non ricevere alcuna penalizzazione, non ho mai messo a repentaglio la vita di qualcun altro, anzi, ho sempre sostenuto che ci sono piloti pericolosi, in pista, per stile di guida.

Bachelet: violenza e razzismo in Italia, invieremo un team Onu
Ma si tratta pur sempre di numeri che in termini percentuali sono davvero frazionali. Ragioneremo con gli alleati sull'utilità di continuare a dare questi soldi ".

Romano Fenati non regge la pressione e si ritira. Per fortuna i due piloti sono rimasti in piedi ed in corsa. Adesso possiamo comunicare che il Marinelli Snipers Team rescinde il contratto con il pilota Romano Fenati per il suo comportamento antisportivo, inqualificabile, pericoloso e dannoso per l'immagine di tutti.

CARRIERA FINITA PER FENATI - In una nota stampa, diffusa nel pomeriggio, MV Agusta ha dichiarto che non intende essere rappresentata da Fenati per il 2019, l'anno che vedrà il ritorno della Casa varesina nelle massime competizioni sportive, in particolare nel Campionato Mondiale Moto2. Non voglio giustificarmi so bene che il mio gesto non è giustificabile, voglio solo scusarmi con tutti. Ciò che mi rattrista - aggiunge la mamma di Fenati - è il fatto che ci siano arrivate delle minacce di morte. "Ora avrò tempo per riflettere e schiarirmi le idee". Il patron Giovanni Castiglioni è stato chiaro: "È stata la cosa peggiore che abbia mai visto".

Comments