Vertice ad Arcore, Berlusconi e Salvini verso l'intesa su Rai e amministrative

Adjust Comment Print

"Iniziamo oggi una fase di ascolto con le categorie interessate, nella speranza che anche il governo voglia fare altrettanto, senza calare sulla testa di centinaia di migliaia di imprese l'ennesima decisione dirigista e ideologica".

"Sono fatti loro del centrodestra, noi abbiamo un contratto da rispettare", ha commentato il vice premier e ministro per lo Sviluppo economico, Luigi Di Maio, ai giornalisti a Nola che gli chiedevano se fosse preoccupato per l'incontro ad Arcore.

E non è il solo a lanciare critiche nei confronti di M5S, anche Federico Fornaro, capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera, ha accusato il Movimento di un "silenzio complice e omertoso che la dice lunga su come Di Maio e i suoi abbiano oramai dimenticato quanto urlavano nelle piazze e in Parlamento su Berlusconi e il conflitto di interessi". Un vertice che, a quanto trapela, avrebbe prodotto risultati innanzitutto sulla presidenza della Rai.

Negramaro, restano stazionarie le condizioni del chitarrista Lele Spedicato: "Serve tempo"
Invece qui e lì sono la stessa cosa e se non l'hai capito dopo un decennio di Facebook , hai un problema serio. Le condizioni di salute del paziente sono attualmente stazionarie e i parametri vitali risultano buoni .

I consiglieri del PD e dell'Usigrai, il principale sindacato dell'azienda, nelle scorse settimane avevano raccolto diversi pareri legali sulla vicenda. Per provare ad attenuare il problema, il parlamentare Giorgio Mulè - sempre di Forza Italia e consigliere della Commissione - ha proposto con una lettera a Barachini di procedere a un'audizione di Foa, passaggio che secondo il suo punto di vista dovrebbe legittimare la sua nomina e la votazione. "Ma se si ragiona così allora bisognerebbe indagare tutti i governi del Pd, che mantenevano con i soldi dei contribuenti chi sbarcava senza averne diritto, dandogli pure la paghetta". La nuova maggioranza Lega, M5S e Forza Italia è invece una notizia. Il prossimo incontro con la Meloni sarà decisivo.

Marcello Foa ha 54 anni ed è di Milano, dove ha conseguito una laurea in Scienze politiche. Per la TGR sono in pole, sponsorizzati dalla Lega, Alessandro Casarin o Luciano Ghelfi, in lizza anche per il Tg2 qualora Matano andasse al Tg1. Ha poi diretto il Corriere del Ticino, ricoprendo anche l'incarico di amministratore delegato del gruppo editoriale. "Anche in questo caso il Movimento che si presentava come paladino della legalità fa finta di non vedere".

Comments