Giro d'Italia, ufficiale la partenza da Bologna: tre tappe in Emilia

Adjust Comment Print

Tutto questo è il Giro d'Italia che per la sua grande partenza, dopo gli ultimi via dati all'estero, nel 2019 ha scelto Bologna. Dal capoluogo dell'Emilia-Romagna partirà anche la seconda tappa dell'edizione 2019 della Corsa Rosa che poi tornerà in Romagna la settimana successiva.

Oltre alla partenza, sono stati svelati altri dettagli e due ulteriori tappe: la seconda frazione partirà da Bologna e si dirigerà verso Sud, coi rumours che parlano di un arrivo a Vinci, visto che l'anno prossimo ricorrono i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci. Segue poi l'avvicinamento veloce e completamente piatto alla città di Modena e fino alla probabilissima volata a gruppo compatto. Gli atleti dal centro città si dirigeranno verso San Luca. Domenica 19 maggio i ciclisti dovranno percorrere per la cronometro individuale, i 34,7 chilometri che separano Riccione e San Marino.

Clacio: Antognoni contesta il rigore
Quel rigore difficilmente si dà: il pallone non ha mai cambiato traiettoria quindi non ho capito dove abbia visto questo rigori. HA PARLATO CON MAZZOLENI?- "Direttamente no, mi fido delle me osservazioni.

Paolo Bellino CEO e GM di RCS Sport Questa manifestazione è uno dei fiori all'occhiello di RCS e del nostro Paese. "Poi la Ravenna-Modena e la ripartenza da Carpi il giorno seguente mostreranno altri luoghi e territori con le loro eccellenze storiche, culturali e culinarie". La Gazzetta dello Sport seguirà come sempre la sua creatura da vicino, passo dopo passo. Sono tutte indiscrezioni, e vedremo se diventeranno realtà al momento della presentazione ufficiale della corsa rosa. "E' una Regione dove la passione dello sport è viva". L'Emilia-Romagna è terra che ha dato allo sport e al ciclismo grandissimi uomini e campioni.

1969: vittoria della maglia Rosa Eddy Merckx. Sicuro o quasi l'arrivo di una tappa a l'Aquila, per onorare le vittime del terremoto del 2009. Questo sarà il nono arrivo di tappa a Modena nella storia del Giro, che approdò qui per la prima volta nel 1928 con la Pistoia-Modena, vinta da Domenico Piemontesi.

Comments