Marcello Foa è il nuovo presidente della Rai

Adjust Comment Print

Non ho mai cercato appoggi politici per fare carriera.

Si annunciano ricorsi sia da componenti Pd della commissione che dal consigliere Rai Borioni (Pd), oltre che dall'Usigrai, perché stando ad alcuni pareri legali Foa non poteva essere riproposto in quanto la prima indicazione non era passata in Vigilanza. E Foa replica: dopo la bocciatura in Vigilanza, "essendo di nomina governativa, ho messo a disposizione il mandato al Mef e ho aspettato diligentemente che il governo valutasse la situazione", poi "quando è stata proposta la mia ricandidatura da un altro membro del cda, l'ho accettata avendo percepito la possibilità che la commissione potesse valutarla nuovamente". "I miei valori sono quelli dell'indipendenza e onestà intellettuale". Pd e Leu gridano all'inciucio tra la maggioranza giallo-verde e Forza Italia: i dem lanciano l'hashtag #M5Silvio, Nicola Fratoianni intravede "le mani di Berlusconi sulla tv di Stato". Un "fatto gravissimo se vero" che lo ha spinto a richiedere un accesso agli atti per una verifica del voto.

Decisivo il contributo di Forza Italia per il quorum: uno scoglio sul quale la nomina di Foa si infranse il 1 agosto, ma che stavolta appare superato dal patto Salvini-Berlusconi di dieci giorni fa, che dovrebbe reggere a San Macuto.

Spalletti: "Che carattere! L’espulsione? Era un urlo liberatorio. Su Nainggolan…"
Sarebbe stato un brutto passo indietro dopo l'esaltante vittoria contro il Tottenham in Champions League. Spalletti ha sostituito Candreva e Politano con Perisic e Keita, sono quattro giocatori forti.

Gran parte delle critiche che gli sono state rivolte durante l'audizione, specie dal Pd, riguardano i suoi retweet - in favore di posizioni sovraniste ma anche di critica a Mattarella - e lui nella replica: "Ritwittare non significa adesione incondizionata al contenuto del messaggio ritwittato". Ha conseguito la Laurea in Scienze politiche all'Università degli Studi di Milano e ha dato inizio alla sua attività giornalistica nel 1984, lavorando in un quotidiano ticinese.

Intanto Marcello Foa ha già resa nota la sua linea: rendere la Rai competitiva anche sul web contro colossi come Netflix Apple e Amazon, garantire il pluralismo informativo, e portare "aria fresca". Tra i libri da lui pubblicati ricordiamo 'Gli stregoni della notizia: da Kennedy alla guerra in Iraq, come si fabbrica informazione al servizio dei governi', 'Il ragazzo del lago' e 'Il bambino invisibile'. Giovedì, alle 14, si riunisce il Consiglio di amministrazione Rai per prendere atto del via libera della Vigilanza alla presidenza Foa. Oggi il nuovo verdetto.

Comments