Stop al diesel, la mappa dei blocchi

Adjust Comment Print

Da Lunedì infatti nelle regioni del Piemonte, della Lombardia, dell'Emilia Romagna e del Veneto entreranno in vigore le nuove limitazioni permanenti del traffico previste dall'Accordo di Bacino Padano per migliorare la qualità dell'aria.

In queste quattro regioni del Nord da quest'anno, in virtù dell'accordo siglato nel giugno 2017 tra Ministero dell'Ambiente e le regioni padane, vige il divieto di circolazione dall'1 ottobre 2018 fino al 31 marzo 2019 per oltre 3 milioni di veicoli tra i più datati, si calcola 2.260.000 automobili e 790.000 veicoli commerciali, che dovranno restare fermi o comunque alla larga dalle aree urbane dei Comuni interessati dai blocchi. In città come Verona chi ha un ISEE inferiore o pari ai 16.700 euro e gli over 70 potranno circolare, mentre in Lombardia il blocco è valido dalle 7,30 alle 19,30 con alcune eccezioni per chi ha turni che impediscono di usufruire del trasporto pubblico, veicoli con a bordo almeno tre persone, parroci, medici e veterinari in visita urgente.

Manovra, il DEF-day è arrivato. Pressing del M5S su deficit al 2,4%
E' tensione nel governo a seguito della pressione nei confronti del ministro dell'economia, Giovanni Tria . Forse però era proprio questo che volevano Di Maio e Salvini , cioè andare allo scontro con Bruxelles .

Il divieto di circolazione in Veneto coinvolge su tutto il territorio comunale i veicoli Euro 3 diesel. Sempre dall'1 ottobre 2019 anche i Diesel Euro 4 dovranno fermarsi dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18.30 fino al 31 marzo 2020. Il divieto comprende anche ciclomotori e motoveicoli a due tempi Euro 0 e Euro 1. Misure ancora più stringenti in Emilia Romagna, dove il blocco si estende agli Euro 4, lo standard anti-inquinamento che è stato in vigore dal 2006 fino al 2010. Nel dettaglio sono previsti 2 livelli di allerta a cui corrispondono interventi emergenziali diversi: il primo scatta dopo 4 giorni consecutivi di superamento del valore limite di Pm10, il secondo dopo 10 giorni. Il Piemonte, invece, ha deliberato alcune deroghe per particolari categorie e l'applicazione della norme slitterà di una settimana.

ROMA - Per quanto riguarda Roma, la sindaca Virginia Raggi nel febbraio scorso ha detto che "a partire dal 2024 nel centro della Capitale sarà vietato l'uso di veicoli privati alimentati a diesel".

Comments