Registrati due casi di colera in Italia: colpiti madre e figlio

Adjust Comment Print

"Gli auguro - ha detto e Giovanni riferendosi al direttore Feltri - di non ammalarsi, ma di stare attento".

I sierogruppi di Vibrio cholerae che possono causare epidemie sono due: il Vibrio cholerae 01 e il Vibrio cholerae 0139. "Non è la prima volta che accade, credo sia un modo molto facile di raccattare becero consenso e ottusa attenzione da parte di imbecilli".

Il presidente dell'Ordine dei Giornalisti della Campania Ottavio Lucarelli annuncia battaglia: "Il titolo di Libero di oggi e' l'esempio di come non si fa informazione". L'indignazione è scattata anche via Twitter.

Maria De Filippi insultata a Domenica Live da Lorenzo Crespi
Il 30 settembre 2018 è stato invitato dalla sua amica , o forse non più così, Barbara D'Urso nella puntata di Domenica Live . Adesso è la sua redazione a finire nel mirino, ecco cosa è venuto fuori dai messaggi dell'attore .

Il fatto risale a martedì 3 ottobre. Si tratta di un piccolo paziente di 2 anni, trasferito dall'ospedale pediatrico Santobono, e la madre, rientrati recentemente da un viaggio in Bangladesh. Tuttavia, il personale dell'ospedale Cotugno di Napoli, dove i due sono ricoverati, ha immediatamente rassicurato i cittadini partenopei, spiegando che la situazione è tenuta sotto controllo. Dal contagio sembrerebbero esclusi i parenti dei due pazienti che rimangono però sotto osservazione per ulteriori accertamenti.

Madre e figlio sono entrambi residenti a Sant'Arpino, in provincia di Caserta e, se per la donna non ci sono grosse preoccupazioni per la sua salute, il bambino, invece, è stato ricoverato in terapia intensiva, ma grazie alle cure fornitegli dai medici dell'ospedale napoletano, le sue condizioni appaiono notevolmente migliorate, anche se la prognosi resta attualmente ancora riservata. La presenza di colera in paesi poveri - ha ricordato Ippolito - è direttamente associata a un generale stato di povertà e di degrado con carenza di acqua potabile e a inadeguate condizioni sanitarie.

Comments