Il Papa contro l'aborto: "E' come affittare un sicario"

Adjust Comment Print

"E' come affittare un sicario per risolvere un problema". "Io vi domando: è giusto fare fuori una vita umana per risolvere un problema?".

Papa Francesco giudica l'aborto 'incivile', e lo paragona alla decisione di assoldare un sicario. Non usa mezzi termini il Pontefice per criticare l'interruzione di gravidanza: "Un approccio contraddittorio consente anche la soppressione della vita umana nel grembo materno in nome della salvaguardia di altri diritti". "Come può essere terapeutico, civile, o semplicemente umano un atto che sopprime la vita innocente e inerme nel suo sbocciare?", ha chiesto ai 25mila fedeli arrivati da tutto il mondo. L'accoglienza dell'altro, infatti, è una sfida all'individualismo. I genitori, in questi casi drammatici, hanno bisogno di vera vicinanza, di vera solidarietà, per affrontare la realtà superando le comprensibili paure. "Questo è disprezzare la vita, è uccidere". La vita vulnerabile ci indica la via di uscita, la via per salvarci da un'esistenza ripiegata su se stessa e scoprire la gioia dell'amore. L'unica misura autentica della vita - avverte Francesco - è l'amore, l'amore con cui Dio la ama! Greg Burke ha informato i giornalisti presenti che il pontefice era caduto facendo ritorno a Casa Santa Marta: "nel tornare a Santa Marta è inciampato ed è caduto", quindi per evitare che tale informazione generasse false notizie e per tranquillizzare tutti ha aggiunto: "Si è rialzato, tranquilli, sta bene". La vita altrui, ma anche la propria, perché anche per essa vale il comando: "Non uccidere".

Non bisogna dimenticare però che "la preghiera non è come una bacchetta magica", che dà tutto ciò che si chiede. L'uomo occidentale, rifiutata ogni posizione verso la vita che provenisse dalla tradizione, si è trovato spiazzato di fronte all'imponenza del dato e all'impotenza sua - strutturale - ad accoglierlo. Non si può disprezzare ciò che Dio ha tanto amato!

Juncker: "L'Italia non è la Grecia"
Non possiamo scegliere i parenti, gli amici invece sì". Io queste cose non le prendo in considerazione. Noi chiediamo solo di rispettare i patti".

Che richiama anche un aneddoto personale dei tempi di Buenos Aires che avvalora le sue parole: "Un uomo, un operaio, aveva una figlia in fin di vita, i medici non avevano dato alcuna speranza e lui ha percorso 70 chilometri per andare fino al Santuario della Madonna di Luján". Tu sei un'opera di Dio!

Ai pellegrini polacchi giunti da Cracovia in prossimità del 40esimo anniversario della elezione di Giovanni Paolo II, che aveva ricevuto prima dell'udienza in piazza San Pietro, il Papa è tornato a rivolgersi, al momento dei saluti in lingua, per ringraziare Cristo "che ha voluto chiamare dalla vostra terra questo grande Papa, e affidargli il compito di introdurre la Chiesa nel nuovo millennio. Il suo insegnamento, il suo esempio di santità e la sua intercessione, guidino e proteggano il nostro cammino quotidiano, a volte difficile, sulle strade del Signore".

Comments