Mondiali Volley 2018, l'Italia batte la Cina e vola in finale

Adjust Comment Print

Delusione azzurra in Giappone: la Serbia è campione del mondo di volley. La Mihajlovic chiude il primo set point e si va sull'1-1. Super difesa di De Gennaro e pareggio di Paola Egonu da Cittadella.

"Siamo molto felici che dall'Italia tantissime persone ci stiano seguendo con grande passione - conclude Myriam - Anche a migliaia di chilometri di distanza il tifo si sente e spero continui così perché ne abbiamo bisogno". Siamo state a un passo dall'oro che purtroppo non è arrivato davvero per un soffio. Insomma, un precedente che racconta poco. Nel finale, due ace consecutivi di Hu hanno chiuso il set sul 25-21 per le asiatiche (1-1).

Fiumicino - Che accoglienza nella Capitale per l'Italia del volley femminile. Paola Egonu regala il successo alle azzurre con il punto del 17-15 al termine di una battaglia infinita.

Quella volta fu il ct Marco Bonitta a guidare le Azzurre alla conquista dell'oro, battendo la squadra statunitense in finale per 3 a 2. Più in là, Egonu ha messo a segno il 19-13.

Il primo set è andato all'Italia, il secondo alla Cina. Quarto set con i denti da parte delle serbe (25-19). La Cina è andata avanti 4-1.

Italia avanti 2 set a 1 ma la Cina non è la Cina per nulla, reagisce e porta la gara al tie-break.

SKY - Napoli, suggestione Barella, il ds azzurro Giuntoli: "Bisogna chiamare in banca..."
Può migliorare dal punto di vista mentale, ma è talmente intelligente che migliorerà ancora. "Non lo so. Sono venuto a Napoli per ottenere il massimo. "I demoni ci sono nel calcio, ma a Napoli no".

Le azzurre sono concentrate e cominciano bene la partita portandosi fino al 8 a 5 con il quale si arriva al primo time out tecnico. E' 31-29 per le cinesi, 2-2 nei set e tie-break.

Ma avercene di Nazionali italiane così, giovani, grintose e combattenti, seconde con qualche rimpianto per come si è sviluppata la partita ma assolutamente ottimiste in vista del futuro, non troppo lontano, torneo di volley olimpico. Sarà ancora una volta fondamentale l'apporto di Danesi e Chirichella ma anche il contributo che giungerà dalla panchina per avere la meglio sulle fortissime serbe che ci hanno già sconfitto nelle Final Six. La Serbia domani (non prima delle 12,40 italiane) incontrerà in finale per il titolo l'Italia.

Nella Serbia, la migliore realizzatrice è Tijana Boškovic con 197 punti, poi Brankica Mihajlovic (151) e Milena Rasic (122).

Domani 20 ottobre alle 12.40 tutti attaccati allo schermo per la finale Italia-Serbia.

Al settimo cielo le giocatrici, come Miriam Sylla: "Ancora non ci credo -ha detto Sylla- Mi sembra un sogno".

Comments