Vittoria in Giappone e 7° titolo iridato per Marquez

Adjust Comment Print

Queste le prima parole di Marc Marquez dopo la vittoria nel Gp del Giappone classe MotoGp che gli ha permesso di conquistare il suo settimo titolo mondiale. "Jorge è un nuovo incentivo, ma le cose non cambiano per me". "Ovviamente conta, ma qui il pilota fa la differenza e Marc fa la differenza". Quarto crono invece per il campione del mondo Marc Marquez, in pista con un casco speciale. Ho cercato motivazioni aggiuntive per vincere al primo match ball.

"Non abbiamo capito molto di quello che è successo oggi in pista".

L'unico che è sembrato in grado di mettergli i bastoni tra le ruote sembrava essere l'italiano Andrea Dovizioso. E la storia continua, sempre al limite, come il suo stile di guida. A Motegi, Marquez ha lavorato concentrato solo sulla gara, lasciando la pole a Dovizioso e 'accontentandosi' della seconda fila. Si vede anche nelle immagini. Sono 25 GP che la Yamaha non conquista una vittoria in MotoGP, record che purtroppo è destinato ad allungarsi ulteriormente. E' mio padre sul circuito. Io ho imparato tanto da lui, ma credo che anche lui abbia imparato tanto da me. Lui dice: "un giorno mi ammazzi". E così è stato, al termine dell'ennesimo duello con Andrea Dovizioso. Nel 2017, Marquez ha raggiunto una maturità tale da consentirgli di andare a punti anche nelle domeniche più difficili. Alla prima curva ho sbagliato marcia ed ho messo la moto in terza.

"Dopo il Gran Premio di Thailandia sono tornato in Italia perché non volevo rimanere via da casa per 5 settimane consecutive".

E’ morto Gilberto Benetton, fondatore con i fratelli del marchio di famiglia
Ha innovato il concetto e i metodi di produzione, ha rivoluzionato vendita e marketing, ha creato nuovi gusti e un nuovo linguaggio pubblicitario.

Sulla carta il circuito del Sol Levante doveva essere favorevole alla Rossa di Borgo Panigale, con quel caratteristico layout in stile 'stop and go', ma ancora una volta la Honda del Cabroncito ha spiazzato il pronostico. Sulla velocità ci siamo, dobbiamo inventarci qualcosa contro Marquez. Timoroso del mare, Marquez rivela un piccolo segreto: "Nuotare da solo in mezzo al Mediterraneo per l'8° mondiale?". In prova era molto veloce ma in gara è un altro discorso. Lì serviva amministrare, controllare e stare tranquilli. Ho provato a tenere su la moto ma non ho avuto una grande reazione. Qualifiche da incorniciare anche per Jack Miller, autore del terzo miglior tempo di questa sessione separato di 137 millesimi da Dovizioso.

Infine, ha regalato una dedica speciale al suo mentore Emilio Alzamora, definendolo quasi un secondo papà: "Il rapporto con Emilio è speciale". La classifica piloti è archiviata mentre c'è ancora in palio quella costruttori.

Solitamente qui in Giappone, il pilota collaudatore Yamaha Nakasuga, porta in gara delle evoluzioni, in questo caso no.

Comments