Il Giro d'Italia torna nel piacentino il 22 maggio

Adjust Comment Print

Omaggio anche a L'Aquila per i dieci anni dal terremoto.

Per la presentazione milanese del Giro d'Italia c'erano anche due amministratori del Comune di Tortoreto: il vicesindaco Francesco Marconi e il consigliere comunale con delega allo sport, Marino Di Domenico.

Un piccolo Giro di Lombardia, con da affrontare tutte le salite che hanno reso spettacolare la Classica delle Foglie Morte: Madonna del Ghisallo, la Colma di Sormano (senza Muro), Civiglio e San Fermo.

Il Comune di Torino ha approvato un documento per fermare la Tav
Secondo undici associazioni d'impresa di Torino e i sindacati edili si tratta di "un oltraggio al futuro della città, delle imprese, dei lavoratori".

Cronometro davvero particolare: prima parte pianeggiante, poi una lunga salita che porta verso San Marino.

Sabato 11 maggio, 1° tappa Bologna 8.2 km - Il Giro 2019 inizia con una cronometro che prevede gli ultimi 2 km sulla difficile rampa del San Luca, con pendenze fino al 18%. Il lungomare Sirena, infatti, sarà la sede di partenza dell'ottava tappa, quella che porterà i ciclisti fino a Pesaro. Il percorso duro ma equilibrato sarà reso moderno dalle 3 cronometro che potrebbero decidere la corsa. La dodicesima tappa da Cuneo arriverà a Pinerolo per omaggiare Fausto Coppi nella sua storica impresa, dove vinse con 12 minuti di vantaggio su Bartali. C'è salita, ma non saranno presenti pendenze insormontabili: probabile che arrivi la fuga al traguardo. Soli 131 chilometri e cinque GPM da affrontare (Verrayes, Verrogne, Truc d'Arbe (Combes) e Colle San Carlo prima dell'arrivo in salita). Gran finale nel sontuoso palcoscenico dell'Arena di Verona.

Dopo la partenza da Lovere, gli atleti scaleranno il Passo della Presolana e la Croce di Salven prima di affrontare il Gavia, a cui seguirà una ripida discesa su Bormio e affrontare il Mortirolo dal classico versante di Mazzo, in tutto 2.600 metri di dislivello.

Comments