L'annuncio di Merkel: "Non mi ricandido, ora un capitolo nuovo"

Adjust Comment Print

È chiaro, tuttavia, che questo passo indietro é solo la prima fase di un ritiro della politica tedesca che ormai pare avviato, e che nella CDU e nel paese divide elettori e politici.

La Merkel in Europa ha rappresentato una figura stabilizzante e, nonostante la reazione del mercato alle notizie di oggi sia stata positiva, ci aspettiamo che nel lungo termine possano sorgere delle preoccupazioni sulle conseguenze della sua dipartita politica.

L'Onda Verde continua anche nelle elezioni in Assia, il Land di Francoforte. Una donna che ha governato la piccola regione del Saarland con grande successo, molto stimata e apprezzata nel partito ma, al contempo, ha il punto debole di essere molto vicina alla leader uscente. Le dichiarazioni delle cancelliera dunque arrivano in un certo senso attese, ma senz'altro stupefacenti riguardo al loro contenuto. "Non mi ricandiderò come presidente della Cdu, questo quarto mandato è l'ultimo come Cancelliera, non mi ricandiderò al Bundestag nel 2021 e non voglio altri incarichi politici".

Vince Bolsonaro, l'uomo nero che piace a Salvini e Trump
A scrutinio completato per l'88,44%, il candidato di estrema destra si è affermato con il 55 ,70%. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è complimentato con il vincitore delle eleizoni.

Le urne dell'Assia consegnano l'ennesimo schiaffo ad Angela Merkel, come ampiamente previsto dai sondaggi: la Cdu perde oltre dieci punti, tocca il risultato peggiore dal 1966 e vede trionfare gli alleati Verdi. E' stata lei stessa, dopo alcune anticipazioni dei media tedeschi, a comunicarlo in una conferenza stampa indetta a Berlino dopo i risultati deludenti per la sua coalizione nell'ultima tornata elettorale in Assia. "Noi invece siamo chiari nel nostro atteggiamento; difendiamo una società aperta al mondo, multiforme", spiega. Il Merkelismo è arrivato stanco alla sfida più difficile, quella contro la destra nazionalista.

Le ragioni del mancato consenso sono quindi da cercare altrove. Dopo l'annuncio della cancelliera, l'ex capogruppo dell'Unione, Friedrich Merz, si dice disponibile a presentare una sua candidatura. Il presidente del Nordreno-Westfalia, Armin Laschet, ha lasciato aperta la decisione di un possibile discesa in campo nella sfida. Secondo la Frankfurter Allgemeine Zeitung sarebbe un 'errore' restare attaccata al potere, 'passando il testimone volontariamente mostrerà che sa quello che tutti sanno: "che il suo cancellierato sta finendo'".

Comments