Ed ecco a voi i nominati Rai del governo del cambiamento

Adjust Comment Print

Il nuovo direttore del Tg1 è Giuseppe Carboni. Nato a Roma nel 1961 la sua nomina è in quota al MoVimento 5 Stelle. Esperto di musica e di spettacoli ha condotto su Radio 3 programmi sulla musica classica. Il primo pezzo che segna l'inizio della collaborazione con il Tg2 è quello sul concerto degli U2 a Dublino nell'89.

Per il momento i nomi dei papabili ci sono. Da sciogliere restano i nodi di RaiSport, Rainews e Rai Parlamento. Dopo tre anni ha cominciato a lavorare per "Stereo Notte", nel 1995 ha lavorato al telegiornale regionale di Bolzano arrivando dopo un anno al Tg2, con direttore Clemente Mimun.

L'accordo prevede Giuseppe Carboni al Tg1, Gennaro Sangiuliano al Tg2, Giuseppina Paterniti al Tg3, Alessandro Casarin alla TgR, Luca Mazzà al Gr Radio. Ha lavorato anche col Quotidiano Roma ed è stato vicedirettore del quotidiano Libero. Nel corso della sua carriera da giornalista, il 56enne di Napoli ha ricevuto numerosi premi, come il Premio Cicerone del comune di Arpino, nel 2018, l'Excellent di Milano nel 2016, e il Premio Cimitile nel 2015. Lavora in Rai dal 2003: è stato inviato del Tg1 in Bosnia, Kosovo e in Afghanistan. Per quanto riguarda le reti in lizza ci sono il direttore dei palinsesti (Marcello Ciannamea), due ex vice di Raiuno (Maria Pia Ammirati e Teresa De Santis), uno degli autori più quotati in Rai dal cv impeccabile e senza macchia (Casimiro Lieto).

Brasile, fine del mistero: ecco dov'è l'ex terrorista Cesare Battisti
Per l'ordinamento brasiliano, la questione è infatti diventata più grande del caso Battisti . I primissimi provvedimenti adottati da Bolsonaro , secondo il quotidiano "Folha de S.

Ha scritto diversi saggi, come Scacco allo zar, Lenin a Capri, genesi della rivoluzione, Quarto Reich - come la Germania ha sottomesso l'Europa, Putin. Dal 1996 al 2007 si è occupata dell'informazione politica economica da inviata della redazione economica del Tg3, seguendo consigli dei ministri, vertici Nato, vertici del Fondo monetario internazionale, del G8 e del Wto. Per sette anni è stata corrispondente da Bruxelles per la Rai. Dal 1989 al 1991 è stata autrice del programma in seconda serata di Rai 1, "Atlante" e dal 1981 al 1991 ha lavorato per vari programmi per ragazzi di Rai 1 in qualità di presentatrice, autrice e responsabile. Gradita al M5S, durante il suo periodo da cronista al Tg3 ha realizzato inchieste molto apprezzate come quella sulle cartolarizzazioni degli immobili pubblici. Inchiesta sull'affare immobiliare del secolo (Editori Riuniti, 2004). Inoltre è da sempre impegnata nell'Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai.

Dall'interim ai pieni poteri.

Comments