Come ci sfottono all’estero per la storia di Salvini e Isoardi

Adjust Comment Print

La conduttrice si è congedata senza troppo clamore ma tra le righe quello che si scorge è sicuramente un rammarico, per ciò che poteva essere e forse non sarà più.

Gli episodi sono aumentati nell'ultimo periodo: pochi giorni fa lo stalker ha tentato di intrufolarsi nello studio dove la Isoardi stava conducendo "La prova del cuoco". Così Elisa Isoardi ha voluto dire addio al suo Matteo Salvini. Ma a volte sono anche ironiche e buffe, per esempio quando scrive che "Io mi impegno un sacco a incontrarti per caso" oppure "L'essenziale è visibile agli occhi, iniziate ad aprirli per esempio" o ancora "Quando voi davate lezioni di vita noi eravamo fuoriclasse".

Tigri e rinoceronti: la Cina vuole legalizzare l'uso di pelli e ossa
E solo i medici ospedalieri, riconosciuti dall'amministrazione nazionale della medicina tradizionale cinese, potranno usarle. Adesso la Cina ha autorizzato l'uso di parti di animali in cattività per uso scientifico, medico e culturale.

Tornato dal viaggio infatti Gio Evan si dedica alla musica, poi alla poesia e al teatro. "Buona vita. Vi voglio bene Amici" a scrivere è l'uomo, apparentemente spogliato della carica, e non c'è dubbio alcuno in merito alla direzione che intende suggerire. Ieri la Isoardi e Salvini hanno dato la buonanotte al popolo social che in queste ore si è appassionato alla fine della loro storia d'amore allo stesso modo: ovvero pubblicando l'immagine di un mazzo di fiori. Si avvicina così "al surrealismo, al nonsense, al gioco sacro, alla parola-terapia e al lavoro sull'anima tramite le potenze dell'arte". Peccato che, come sottolinea Chef Rubio, quella foto non sia stata scattata in Africa, ma a Cerignola. Pubblica indipendentemente il suo primo disco Cranioterapia, un cantautorato onirico, accompagnato a tratti da armonie blues.

Di sicuro c'è la trasformazione d'una sconfitta nel suo contrario, cioè in una forza e in un valore, all'interno d'una vicenda immersa nel rapporto sempre più intenso e morboso che la politica ha con la comunicazione. "Non è quello che ci siamo dati a mancarmi, ma quello che avremmo dovuto darci ancora", scrive citando il suo poeta di riferimento, Gio Evan, e poi aggiunge rivolgendosi direttamente al politico: "Con immenso rispetto dell'amore vero che c'è stato". Sulla sua pagina Instagram in molti si lamentano.

Comments