La California devastata dagli incendi: il bilancio sale a 25 morti

Adjust Comment Print

Anche più a sud tra la Contea di Los Angeles e quella di Ventura sono attivi altri due fronti di fuoco, seppur di dimensioni più piccole, che hanno portato comunque all'evacuazione di 170 mila persone.

Anche le star di Hollywood sono vittime del disastroso incendio che sta devastando la California, ritenuto il più grave nella storia dello Stato. Sebbene sia stato contenuto al 25% fino a domenica, le alte temperature e le forti raffiche di vento hanno creato le condizioni ottimali per la sua diffusione, ancora per un altro giorno. Per gli abitanti, circondati dal fumo denso e dalle ceneri turbinanti, è stato come vivere l'inferno in terra. Il bilancio delle vittime è salito a 23 morti.

Svolta a San Siro: accordo tra Inter e Milan sui lavori
Possibile anche che i club possano optare sulla formula della "cessione di diritto di superficie". Che però manterrà intatta la propria storia.

Tra le città evacuate c'è anche Malibu, famosa per le sue spiagge e perché ci vivono tanti attori di Hollywood e personaggi dello spettacolo: tra le migliaia di edifici distrutti dalle fiamme del Woolsey Fire ci sono anche alcune lussuose ville affacciate sull'oceano Pacifico. Ordine di evacuazione per l'intera città di Malibù, accerchiata dagli incendi. In fiamme ettari ed ettari di foreste, già minacciate dal disboscamento e dai cambiamenti climatici. In totale, in tutto lo stato sono state costrette a lasciare le loro case 250mila persone.

"Siamo davvero nel bel mezzo di questo protratto evento meteorologico e di questo assedio", ha detto il capo del Dipartimento forestale e antincendio della California Ken Pimlott, nel corso di in una conferenza stampa.

Comments