Brexit, i 27 Paesi Ue plaudono all’accordo con la Gran Bretagna

Adjust Comment Print

Il capo negoziatore Michel Barnier sarà anche al collegio dei commissari europei per informare sulle ultime evoluzioni, mentre la riunione degli sherpa per preparare il vertice europeo di domenica è stata spostata a venerdì, visto che è stato previsto almeno un giorno per l'analisi del testo a cui si sta ancora lavorando.

Nonostante le defezioni di alcuni ministri e le gravi tensioni nella sua stessa maggioranza, la premier britannica Theresa May tira dritto per la sua strada anche grazie al via libera ottenuto ieri dai 27 ministri delle politiche europee all suo "pacchetto" e punta alla realizzazione del suo piano per un divorzio consensuale e felice da Bruxelles. Gli esperti del settore alimentare, che hanno incontrato il ministro dell'Ambiente Michael Gove, hanno avvertito che le scorte si esaurirebbero entro due settimane. Parlando all'assemblea generale della Confindustria britannica, la Cbi, May ha ribadito che si creerà così, per la prima volta, parita' di condizioni tra i cittadini europei e quelli di altri Paesi e impedirà in futuro agli europei che vogliono cercare lavoro nel Regno Unito di "saltare la fila", perché l'immigrazione sarà basata sulle competenze.

Tenerife, la mareggiata travolge un palazzo e si porta via i balconi
Le testimonianze di onde giganti arrivano anche da Adaje, più a Sud, dove si sono registrate finestre rotte anche in un hotel. Il video che immortala la potenza della mareggiata è già diventato virale avendo fatto inevitabilmente il giro dei social.

Fra coloro che risultano aver inviato una lettera a sostegno della mozione al Comitato 1922, l'organismo interno preposto nel caso a convocare il voto, spiccano i nomi del rampante Jacob Rees-Mogg, di Steve Baker (viceministro per la Brexit fino all'estate), di John Whittingdale (già ministro della cultura nel governo di David Cameron), di Ben Bradley (nominato mesi fa da May vicepresidente del partito e responsabile dei giovani Tory) e di Zac Goldsmith (ex candidato sindaco di Londra), come riporta la Bbc. "Inoltre questo accordo ci permette un divorzio ordinato, che è la base per una partnership ambiziosa". In un articolo pubblicato nel Belfast Telegraph, la premier ha affermato che lo stato costituzionale della regione nel Regno Unito sarebbe garantito. Ma ha detto che il backstop è una "polizza assicurativa accettabile" a causa delle clausole dell'accordo.

Comments