Volontaria italiana di 23 anni rapita in Kenya

Adjust Comment Print

"Poi hanno rapito la giovane donna italiana che lavora come volontaria nell'area", riportano fonti locali specificando che la connazionale sarebbe stata prelevata nella casa da lei affittata nella zona commerciale di Chakama.

Tra i cinque feriti, ha detto la polizia, una ragazza di 23 anni colpita al collo è in condizioni "serie", mentre gli altri sono in condizioni giudicate stabili. Il motivo dell'attacco non è ancora chiaro, secondo quanto ha riportato Boinnet all'Associated Press. A entrare in azione un gruppo di uomini armati, vicino Malindi nel sudest del Kenya. Nella zona ci sono stati rapimenti di stranieri da parte di fondamentalisti islamici con base in Somalia. Il rapimento sarebbe avvenuto ieri sera intorno alle 20 locali, durante l'attacco di 80 uomini armati nel mercato di Chakama, nella contea di Kilifi.

California. Incendi: morti sono 63, oltre 600 dispersi
Ma sono molte le zone, sia nel nord che nel sud del Paese, a essere state divorate dalle fiamme. I morti sono 63, mentre il numero dei dispersi è salito ad almeno 631.

Presidente onlus, la volontaria rapita è di Milano - E' di Milano la volontaria italiana 23enne rapita ieri sera in Kenya. A riferilo è la polizia kenyota su Twitter. "Non sono state stabilite le ragioni dell'attacco né l'identità degli aggressori". "Il rapimento della volontaria italiana 23enne è avvenuto in una parte del Kenya dove non ci sono centri commerciali, al massimo un negozietto dove si vendono fagioli e dove soprattutto non succede mai niente del genere", ha spiegato Sora.

La volontaria italiana lavorava nel Paese africano per una organizzazione con sede a Fano, nelle Marche: la Africa Milele Onlus. Quando è arrivata la polizia sul luogo gli armati avevano già attraversato il fiume Galana. "In quel momento era da sola - ha concluso Sora - perché altri erano partiti e altri ancora arriveranno nei prossimi giorni".

Comments