M5S: Di Maio, denuncia Iene non riguarda periodo in cui ero socio

Adjust Comment Print

Intanto dopo l'inchiesta delle Iene sui presunti casi di lavoro nero nell'azienda del padre, Luigi Di Maio ha pubblicato alcuni documenti online, tra cui il contratto che lo legava all'azienda del padre e lo stipendio da manovale.

Ma non basta. Tra i padri viene intervistato anche quello del premier Giuseppe Conte che liquida la questione a una esagerazione: "Di Maio ha detto che il padre ha sbagliato". Ad accogliere la stampa stamane c'erano anche diversi sostenitori di Di Maio che hanno intimato ai giornalisti di allontanarsi.

"La signora Boschi andava in Consob a chiedere aiuto per la banca del padre: è un caso opposto al mio", dice Di Maio su La7 tornando sulla vicenda degli operai in nero. Io non sto aiutando mio padre a coprire le vicende dell'azienda, anzi io cerco le carte e le porto.

Di Battista difende Di Maio (e suo padre). Dunque il padre del vicepremier ha continuato a mentire con suo figlio anche dopo il primo servizio delle Iene sul lavoro nero nella ditta di famiglia? Ma per accadimenti come quello di Antonio Di Maio non si tratta solo di evitare conclusioni affrettate e, nell'attesa di ulteriori sviluppi, di non confondere la posizione dei padri con quella dei figli.

Spalletti: "Contro il Tottenham a viso aperto"
È in arrivo stasera una nuova serata di Champions League che vedrà impegnate altre due squadre italiane, Inter e Napoli . Il Tottenham è forte, ha qualità di strappo sulle fasce, ha forza fisica, sa giocare bene al calcio.

Ecco quindi che, messo in un angolo, Di Maio junior tenta il tutto per tutto e afferma di voler chiudere l'azienda "entro l'anno, tanto è ferma da tempo". Partecipazione societaria che, tra l'altro, secondo il Corsera non è stata dichiarata nei curricula ufficiali.

Nel periodo in cui lavorò nell'azienda di famiglia, era stato assunto regolarmente? Luigi Di Maio, nel frattempo cerca di difendersi e uscire fuori dal polverone mediatico dichiarando: "Non posso essere io a pagare le colpe di mio padre per cose che non sapevo". Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.

Oltre alle possibili irregolarità contrattuali, gravano sull'Ardima molti interrogativi: dai magazzini collocati sul terreno di famiglia a Mariglianella, sui quali domani arriveranno gli accertamenti dei vigili urbani, al mistero di una cartella Equitalia da 172mila euro che grava sulla stessa proprietà.

Comments