Istat, la disoccupazione torna a crescere: a ottobre tocca il 10,6%

Adjust Comment Print

Il tasso di disoccupazione giovanile è salito per il terzo mese (a 32,5%).

In soldoni, i disoccupati nel mese erano 2.746.000, in crescita di 64.000 unità su settembre e in calo di 118.000 unità su ottobre 2017. La diminuzione coinvolge uomini e donne e si distribuisce in tutte le classi di età ad eccezione dei 25-34enni. Anche il tasso di occupazione resta fermo al dato di settembre, al 58,7 per cento. Su base annua, l'occupazione cresce dello 0,7%, pari a +159 mila unità. L'occupazione appare in calo nel trimestre agosto-ottobre rispetto a quello precedente (-40.000 unità). "Con riferimento all'età, calano gli occupati tra i 25 e i 49 anni mentre si registra una lieve crescita tra i 15-24enni e un aumento più consistente tra gli ultracinquantenni", scrive l'Istat in una nota. La stabilità degli occupati su settembre deriva da un aumento dei dipendenti permanenti (+37.000) e da un calo per i lavoratori a termine (-13.000) e degli indipendenti (-16.000).

Per il secondo mese consecutivo, secondo i dati dell'Istat, cresce la stima delle persone in cerca di occupazione (+2,4%, pari a +64 mila unità). Nell'anno aumentano principalmente gli occupati ultracinquantenni (+330 mila) e, in misura più contenuta, i 15-24enni (+20 mila), mentre calano i 25-49enni (-190 mila). Aumentano "i dipendenti permanenti, mentre si rileva una diminuzione degli indipendenti e dei dipendenti a termine, che registrano un segno negativo dopo sette mesi di crescita".

Nell'Ue la riduzione della disoccupazione, rispetto all'anno precedente, è stata ancora più evidente: 6,7% (come ad agosto) dal 7,5% nel 2017.

Formula 1 - Vettel: "Complimenti a Hamilton, saremo più forti nel 2019"
Prima della gara il team gli ha dedicato una festa, per lui che è stato l'ultimo campione mondiale della Ferrari . Un addio celebrato da Hamilton e Vettel in modo molto più divertente della gara che avevano appena terminato.

La stima della variazione congiunturale del Pil diffusa il 30 ottobre 2018 era risultata nulla mentre quella tendenziale era pari a +0,8%.

Rispetto al trimestre precedente, tutti i principali aggregati della domanda interna registrano diminuzioni, con una riduzione dello 0,1% dei consumi finali nazionali e dell'1,1% degli investimenti fissi lordi.

Ancora nel mese di ottobre, gli inattivi 15-64 anni sono diminuiti dello 0,6%, mentre il tasso di inattività è sceso al 34,2%.

Comments