Il cordoglio del Torino Fc per la scomparsa di Gigi Radice

Adjust Comment Print

Muore oggi all'età di 83 anni, Gigi Radice. Il suo legame con il Milan lo portò ad effettuare una seconda e più produttiva esperienza dal 1961 al 1965: nel complesso il palmarès rossonero di Radice parla di tre scudetti ed una Coppa dei Campioni vinte da calciatore. Erano quelli gli anni del Grande Torino, la squadra che dettava legge in Italia e che venne distrutta nell'incidente di Superga. Tornato sotto le Due Torri nel 1990 per sostituire Franco Scoglio, con i felsinei ultimi in classifica, li trascinò fino ai quarti di UEFA ma non riuscì ad evitare la retrocessione. Poi come allenatore, in una carriera durata trent'anni che lo ha visto alla guida di importantissimi club quali Torino, Milan, Inter, Fiorentina, Roma, Bologna.

Da parte della proprietà e della redazione di Zerocinquantuno le più sentite condoglianze e un forte abbraccio ai familiari del mitico Gigi. "Purtroppo ha avuto una malattia tremenda, che da tanti anni ormai lo stava logorando". Un Urbano Cairo commosso ricorda in un'intervista all'Ansa la figura del tecnico dell'ultimo scudetto del Torino. "Dispiace perché purtroppo se ne è andato soffrendo un po". Radice aveva allenato anche l'Inter, seppur per una sola stagione, nel 1983-84. Chiuse la carriera dove tutto era iniziato, a Monza, con cui nel 1996-97 ottenne la promozione in Serie B e nella stagione successiva, 1997-98, fu esonerato dopo la 5ª gara.

Balotelli polemico: "Nessun rispetto dai tifosi, non torno al Milan"
Nervosismo manifestato chiaramente contro l'allenatore Patrick Viera dopo la sostituzione nel corso della partita contro il Guingamp.

È morto a 83 anni Luigi Radice, un grande del calcio italiano.

Comments