Sky lascia il ciclismo, resterà sponsor fino al 2019

Adjust Comment Print

Sky lascia il ciclismo. La notizia, clamorosa, è rimbalzata dai canali social del team britannico al mattino, improvvisa ma non inattesa.

Una squadra italiana tra l'altro per bici, abbigliamento, casco, con aziende che hanno investito credendo nel progetto, ideato non solo per vincere ma soprattutto per guardare al futuro puntando all'innovazione e alla ricerca nei materiali. Un ultimo valzer prima di dirsi addio dopo tanti successi, come annunciato nel comunicato: "La squadra gareggerà come Team Sky per l'ultima volta nel 2019, cercando di migliorare il totale di 322 vittorie, di 8 grandi Giri, di 52 tappe e di 25 successi nelle gare di un giorno".

Kate Middleton VS Meghan Markle: è davvero faida reale?
E dopo aver infranto più volte il protocollo in fatto di outfit, ci sarebbe "ricascata", sfoggiando uno smalto nero super glam. La duchessa di Sussex non ci vorrebbe proprio stare alle rigide regole di corte .

Ciclismo, il team Sky annuncia: "Il 2019 sarà il nostro ultimo anno di gare". In un comunicato ufficiale Jeremy Darroch, Chief Executive di Sky's Group, ha confermato la volt dopo un decennio di veicolare il marchio su altri progetti su tutti quello di salvaguardia della salute degli oceani (Sky Ocean Rescue). Allo stesso modo, qualsiasi futuro partner dovrebbe essere giusto - uno che condivide la nostra etica e i nostri valori.

Sarà di fatto la fine di un'era di oltre dieci anni dominata dalla squadra inglese. Il successo della squadra è stato il risultato del talento, della dedizione e del duro lavoro di un grande gruppo di persone che si sono costantemente sfidate nello scalare nuove vette. Tutti vogliamo chiudere la storia del team Sky con il più importante traguardo possibile. Siamo orgogliosi del ruolo che abbiamo svolto nella trasformazione della Gran Bretagna negli ultimi dieci anni in una vera nazione ciclistica. E faremo tutto il possibile per farlo accadere nelle prossime settimane e mesi. Il riferimento è all'acquisizione della televisione britannica da parte della statunitense Comcast. Poi si vedrà se subentrerà qualche altro investitore. Così come certamente non appare preoccupato della decisione Sir Dave Brailsford che in questa sessione del mercato ha puntato su giovani talenti eccellenti ai quali ha proposto contratti importanti, fino ad arrivare alla firma quinquennale di Egan Bernal.

Comments