Manovra, Fca: "Con l'ecotassa saltano gli investimenti in Italia"

Adjust Comment Print

In mattinata il presidente del Consiglio regionale Boeti ha ricevuto una lettera firmata da Pietro Gorlier, responsabile Fca per Europa, Africa e Medio Oriente in cui si declina l'invito a causa dello scenario di incertezza che si è venuto a creare a livello nazionale. "Serviva un cittadino di Pomigliano per mettere a rischio migliaia di posti di lavoro nello stabilimento campano difeso strenuamente dalla lotta dei lavoratori per 10 lunghi anni" ha dichiarato il segretario generale Fismic Confsal Roberto Di Maulo sull'ecobonus che potrebbe far saltare il piano industriale Fca per gli stabilimenti italiani.

(Regioni.it 3513 - 12/12/2018) La paventata ecotassa sulle auto, nell'ambito della legge di bilancio, "inciderà significativamente sulla dinamica del mercato, alterando l'intero quadro d'azione all'interno del quale il piano industriale per l'Italia era stato delineato". L'assemblea è stata poi rinviata. Inquieta questa non certezza delle politiche del governo in un settore strategico per il Piemonte e per l'Italia Una situazione che potrebbe costringere FCA a rivedere gli impegni presentati ai sindacati, che non risolvevano i problemi ma indicavano una strada positiva.

Un piano che prevede "entro il periodo 2019-2021 un ammontare di investimenti pari a 5 miliardi di euro per i il lancio di 13 nuovi modelli o restlyling di modelli esistenti nonché nuove motorizzazioni con impiego diffuso di tecnologia ibrida ed elettrica".

Concessa a Lady Huawei la libertà su cauzione
Mentre sulla vicenda dell'ex diplomatico canadese fermato a Pechino, il ministero degli Esteri cinese non "ha informazioni". La giustizia canadese ha deciso.

"La politica piemontese deve rendersi conto che Fca non è più centrale nelle politiche industriali di Torino - ha esortato Sganga - è il momento di lavorare per un piano di rilancio della manifattura che guardi oltre questa azienda e punti a portarne altre, perché la transizione verso una città turistica e di servizi, voluta dal centrosinistra, da tempo segna tutta la sua fallimentare prospettiva". Un piano, osserva ancora Gorlier, che "riteniamo garantirà progressivamente il raggiungimento della piena occupazione". "Ieri - ha ricordato Di Maio - ho convocato tutti per avviare un dialogo che non si è ancora concluso e sono convinto che si potrà trovare una soluzione". I sindacati sono preoccupati per il mantenimento dei livelli occupazionali.

"Al di là delle polemiche e dei ricatti rispetto alla discussione con il Governo, una chiara scusa per non presentare un piano industriale di cui Fca conosce la intrinseca debolezza, la scelta del forfait al Consiglio Aperto è uno sgarbo a un territorio che a parole dovrebbe essere centrale nei progetti di Fca, ma che in concreto è sempre più marginale". "Il programma FCA va implementato, non messo in discussione", evidenzia Michele De Palma (Fiom). "Non saremmo in grado né di confermare il piano industriale né di proporre scenari alternativi".

Comments