Incidente sull'A3: la vittima è una passeggera. Pullman partner di Flixbus

Adjust Comment Print

Una donna, una cittadina italiana di 37 anni, è morta e altre 44 persone sono rimaste ferite in un incidente sull'autostrada A3 a Zurigo. Sul pullman c'erano viaggiatori di diverse nazionalità: oltre ai sedici italiani, uno svizzero, un tedesco, due albanesi, due colombiani, una donna giordana, una romena, una ghanese, una del Benin, una decina di russi, un bosniaco e due nigeriani. Secondo quanto riferisce la polizia cantonale zurighese, il bus avrebbe sbandato finendo contro un muro.

Tragedia quella avvenuta sull'autostrada A3, vicino a Zurigo: un pullman del gruppo Flixbus si è schiantato violentemente contro un muro. Per tutta la mattina è nevicato nella zona dell'incidente e le autorità hanno avvisato gli automobilisti di fare attenzione al ghiaccio sulla strada.

In una nota congiunta, il presidente della Regione Giovanni Toti e la vicepresidente e assessore alla sanità Sonia Viale dicono: "Nell'esprimere cordoglio per la nostra connazionale vittima dell'incidente avvenuto nella notte a Zurigo, in Svizzera, Regione Liguria rende noto di essere a disposizione per qualsiasi aiuto o supporto logistico o di mezzi si rendesse necessario". Grave risulta anche una passeggera di nazionalità russa. Partito dalla stazione di Genova il mezzo della compagnia low-cost era diretto in Germania, a Dusseldorf.

Istat: occupati in calo terzo trimestre - Ultima Ora
I disoccupati sono 2 milioni 653.000 con una riduzione sia congiunturale (-5,1%) sia tenedenziale (-12,1%, pari a -332.000 unità). Nei dati di flusso diminuiscono le permanenze nell'occupazione, soprattutto per i giovani di 15-34 anni e gli stranieri.

Gli autisti sono italiani di età compresa tra 57 e 61 anni. Tra i 44 feriti, tre sarebbero in gravi condizioni. "Alcuni urlavano, altri erano calmi". Se il muro non avesse retto, si sarebbe rischiata una strage perché il pullman sarebbe finito nel fiume Sihl, precipitando per 10 metri. Tuttavia la polizia ha fatto sapere che le cause dell'incidente sono "oggetto d'indagine".

Flixbus: "Sicurezza al primo posto" "La sicurezza per noi è al primo posto" e i partner "devono sottoscrivere un protocollo" per quanto riguarda gli standard di sicurezza. "Chiediamo che gli autobus siano di ultima generazione e che vengano cambiati al massimo ogni tre anni, per tutti i viaggi notturni chiediamo che ci siano due autisti a bordo e che vengano rispettati gli orari di riposo", sottolinea la società spiegando di aver installato "un sistema di Gps che ci permette di monitorare il rispetto da parte degli autisti della velocità di percorrenza, dei tempi di guida e dei ritmi di riposo". Dal canto suo, un passeggero colombiano del bus Flixbus ha dichiarato a un'emittente privata che il pullman andava veloce.

Comments