Reddito anche per gli stranieri ma è gelo nella maggioranza (La Repubblica)

Adjust Comment Print

Una norma ad hoc, poi, sarà inserita per evitare le separazioni o i divorzi di comodo.

Dunque, fin quando saranno sotto lo stesso tetto due persone anche se separate o divorziate saranno considerate, ai fini del Reddito di cittadinanza, come marito e moglie. La si potrebbe definire una sorta di clausola "anti-bamboccioni".

Tra i filtri contro i furbetti che aspettano il reddito di cittadinanza ce n'è uno che prevede che la misura non sia disponibile per i nuclei familiari dove ci sono soggetti disoccupati in seguito a dimissioni volontarie, tranne le situazioni di dimissione per giusta causa. In questo caso è sempre considerato sulle spalle dei genitori. Farò un esempio concreto attraverso il calcolo delle risorse necessarie: se consideriamo le pensioni fino a 500 euro mensili, secondo i dati del 2017, troviamo in questa fascia 2.017.774 pensionati che hanno una pensione media di 3.404 euro annui.

Così, nella bozza che sta circolando sul reddito di cittadinanza e che arriverà sul tavolo del consiglio dei ministri nei prossimi giorni, ecco quel passaggio che estende la misura assistenzialistica anche ai cittadini stranieri che in Italia risiedono da più di cinque anni.

Vedremo se Di Maio e Salvini torneranno sui loro passi, escludendo gli stranieri nel decreto attuativo su cui si stanno confrontando (i soldi sono pochi e c'è da coprire anche quota 100, misura-bandiera del Carroccio) o se alla fine il reddito andrà a tutti. Confermate poi, tutte le altre indicazioni contenute nella bozza anticipata dal Messaggero il 31 dicembre scorso.

Monchi: "Sono convinto di aver ragione"
Dopo un mese che è arrivato a Siviglia dicevano: ma da dove è arrivato questo giocatore? Ci sono tanti nomi menzionati al momento. Mai prendo un giocatore che non vuole l'allenatore e mai prendo un giocatore che vuole l'allenatore e non voglio io.

Nella misura del Governo e' prevista anche l'istituzione della pensione di cittadinanza.

Altro parametro è il reddito familiare, ovvero le entrate monetarie della famiglia.

Guardando al patrimonio immobiliare, questo non dovrà superare i 30mila euro, mentre quello mobiliare non dovrà andare oltre i 6mila euro, elevati fino a 10mila euro per un nucleo di tre persone, e di ulteriori 1000 euro per ogni figlio successivo al secondo, più altri 5mila euro per ogni componente con disabilità. Nessun componente del nucleo familiare deve essere intestatario a qualunque titolo, o avere la disponibilità, di autoveicoli immatricolati per la prima volta nei sei mesi antecedenti la richiesta del Reddito.

Il reddito di cittadinanza sarà istituito a decorrere dal mese di aprile 2019 e il sostegno decorrerà dal mese successivo a quello della richiesta. Si potrà beneficiare, si legge sul Corriere della Sera, del nuovo sostegno al reddito "per un periodo continuativo non superiore a 18 mesi" rinnovabile "previa sospensione dell'erogazione per un mese prima di ciascun rinnovo".

PER 1,375 MLN FAMIGLIE, ANCHE STRANIERI IN ITALIA DA 5 ANNI: A fronte di circa 1,8 milioni di famiglie sotto la soglia di povertà, la platea con i requisiti per accedere a reddito e pensione di cittadinanza è calcolata nella relazione tecnica in oltre 1 milione e 375mila nuclei familiari, compresi quelli di stranieri residenti da almeno 5 anni con permesso di soggiorno.

Comments