Di Maio e Di Battista discorso congiunto dopo Capodanno passato insieme

Adjust Comment Print

"Io non cambio idea".

"E' stato un 2018 in cui abbiamo combattuto qulla classe di italiani privilegiati che si è opposta al cambiamento e che ci sta combattendo anche in questi giorni, perché stiamo bloccando le pensioni d oro e non solo; stiamo bloccando anche un sacco di cose che avevamo promesso e che avremmo tagliato e stiamo tagliando". Arriva a stretto giro la replica stizzita di Salvini, dal palco di Montesilvano, a Pescara, tappa del suo tour per le regionali del prossimo 10 febbraio: "Una nave tedesca e una nave olandese sono in acque maltesi". Ma ad accogliere dovrebbe essere ancora una volta l'Italia. La nostra Italia che ha già accolto quasi un milione di persone negli ultimi anni, la nostra Italia dove più di un milione di bambini vive in condizioni di povertà assoluta. "Meno partenze, meno morti", conclude il vicepremier su Facebook. "Il rispetto degli elettori viene prima di tutto, anche a costo di andarcene tutti a casa". Tutta l'Europa se ne frega.

"Per me nessun bambino con la sua mamma può continuare a stare in mare ostaggio dell'egoismo di tutti gli Stati europei", scrive il vicepremier Di Maio su Facebook.

Il leader della Lega, incassato il colpo, telefona all'alleato.

La promessa di Ronaldo: "Giuro, farò l’impossibile per la Champions alla Juve"
Premio speciale alla carriera invece per Blaise Matuidi , centrocampista della Juventus che la scorsa estate si è laureato campione del mondo con la Francia .

I tanti mal di pancia all'interno del Movimento 5 Stelle verso la linea dura sui migranti tracciata da Salvini hanno dunque portato a una correzione di rotta da parte del governo. E a cui si aggiunge l'idea di un ricorso alla Corte costituzionale, lanciata dai presidenti delle regioni Piemonte e Toscana.

"Non possiamo stare a guardare come se non stesse accadendo nulla".

In gioco, tuttavia, non ci sono solo strategie politico-elettorali, ma un sistema di gestione dei conflitti sociali che, pur nel quadro formale di una democrazia costituzionale, privilegia - in chiave totalitaria - l'odio sulla riflessione e l'illusione sula conoscenza della realtà. La protesta dei sindaci è una boutade politica.

Comments