Apple cade a Wall Street, è la peggiore seduta da sei anni

Adjust Comment Print

Da quel record in poi, l'inversione di rotta, con continui cali e lancio di prodotti che hanno riscosso poco gradimento da parte del pubblico, specie da quello orientale, complice un livello di prezzo giudicato non in linea con in contenuti tecnologici ed innovativi dei suoi prodotti. Colpa della concorrenza che arriva dall'Asia, ma anche di cattive strategie.

Ad infondere nuova negatività tra gli operatori di mercato è stata la revisioni delle previsioni di vendita 2019 (revenue warning) consistente in un taglio da 9 miliardi di dollari, da un precedente intervallo tra 89 e 93 miliardi, agli attuali 84 miliardi. E se da un lato è vero che divisioni come quella dei servizi sembrano essere quelle più promettenti dal punto di vista dei ricavi futuri, lo è anche il fatto che l'iPhone non solo rappresenta il core business di Apple, ma è anche il simbolo del suo dominio sul settore tecnologico. Il riferimento, in particolare, è alla Cina, la cui economia "ha iniziato a rallentare nella seconda metà del 2018" mentre "la crescita del Pil riferita dal governo è stata la seconda più bassa negli ultimi 25 anni".

Tennis, Marco Cecchinato ai quarti in Qatar
Il 26enne palermitano, n.20 del ranking mondiale e quarto favorito del seeding, ha superato il serbo Dusan Lajovic , 7-6 (2) 6-2 . Sono bastati due set al ceco per accedere all'ultimo atto del torneo, con un 7-6 6-3 ottenuto in un'ora e mezzo di gioco.

La domanda indebolita proviene principalmente dalla Cina, anche se Tim Cook osserva che "anche in alcuni mercati sviluppati, gli acquisti di iPhone iPhone non sono così forti come pensavamo". Le tensioni commerciali tra l'America e la Cina e il contestuale calo delle vendite nel mercato cinese hanno penalizzato sensibilmente i guadagni della società. "La forza di Apple è nella nostra capacità di recupero, nel talento e nella creatività del nostro team e nella passione profondamente radicata per il lavoro che facciamo ogni giorno" conclude Tim Cook, spiegando che "le aspettative sono alte per Apple perché dovrebbero esserlo".

Non ci resta che aspettare e vedere se e in che modo l'azienda riuscirà a risollevarsi. Stando a Kai Ruting, avvocato tedesco non coinvolto nel caso, la decisione del tribunale di Monaco sarebbe riferita soltanto ai negozi Apple, piuttosto che alle terze parti.

Comments