L’Istat vede prezzi in rallentamento

Adjust Comment Print

In media, nel 2018 i prezzi al consumo registrano una crescita dell'1,2%, stabile rispetto alla dinamica annua del 2017.

L'Istat sottolinea come i dati di dicembre siano "particolarmente deboli", in un mese generalmente caratterizzato da un'inflazione più sostenuta.

Secondo le stime Istat, Il tasso di inflazione a dicembre è sceso all' 1,1%, discesa che rallenta rispetto all'1,6% di novembre. Stabili invece i beni industriali non energetici (0,4%, stabile rispetto a novembre). Su base mensile l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, diminuisce dello 0,1%.

"Gran parte" del rallentamento dell' inflazione è dovuto ai beni energetici non regolamentati (i cui prezzi decelerano da +7,8% di novembre a +2,6%) e, in misura minore, dai beni alimentari lavorati e dei servizi di trasporto.

Maradona cercasi: il campionato riparte domani, ma l'allenatore dei Dorados è scomparso
Resta ora da capire se Maradona tornerà in tempo per il match casalingo contro il Celaya in programma domenica 6 gennaio alle ore 4 italiane.

Di conseguenza, con i redditi delle famiglie al palo, l'inflazione all'1,2% pesa in quanto, sempre in base alle rilevazioni dell'Associazione dei Consumatori, comporta in media aggravi annui pari a 325 euro circa.

"Nel 2018, comunque, la crescita media dei prezzi dell'1,2% ha significato avere, per una coppia con due figli, la famiglia tradizionale di una volta, una maggior spesa annua complessiva di 377 euro, 268 euro per i beni ad alta frequenza di acquisto, 111 euro per carrello della spesa, ossia per gli acquisti quotidiani, mentre si arriva a ben 102 euro per abitazione, acqua ed elettricità, 143 per i trasporti", prosegue Dona.

Stando invece alle stime Eurostat, l'inflazione su base annuale nell'Eurozona è calata dall' 1,9% di novembre all'1,6% di dicembre.

"La Manovra di bilancio non offre risposte concrete in questa direzione, non disponendo alcun provvedimento efficace in grado di dare un nuovo impulso alla nostra economia".

Comments