Malta: Muscat, non creerò precedente facendo sbarcare i 49

Adjust Comment Print

Le navi Sea Watch 3 e Sea Eye, con a bordo complessivamente 49 migranti, sono bloccate dal 22 dicembre 2018 nel mar Mediterraneo in attesa di un porto sicuro dove poter sbarcare.

Muscat poi incalza gli altri paesi: fanno i difficili per 30,70 migranti quando Malta negli ultimi giorni ne ha accolti 249.

Agenpress - "Il governo deve trovare un equilibrio tra protezione di vite umane e proteggere Malta e la sua sicurezza". Il gesto che ha sorpreso è dell'arcivescovo di Malta Charles Scicluna che, stando a quanto riportato da Avvenire, si è recato alla banchina del porto dell'isola e ha lanciato un appello "come si può festeggiare la nascita del Bambinello e poi dirsi cristiani lasciando dei nostri fratelli in mare". "Ecco perché stiamo discutendo con altri paesi e con l'Unione europea, per farci dire di chi è la responsabilità di questo caso e, nel caso succeda di nuovo la stessa cosa, come procedere", ha detto ancora il Primo Ministro. "Queste persone stavano affogando, erano nella nostra zona di competenza per i salvataggi, così le forze armate maltesi li hanno salvati", ha aggiunto.

Brooke 260 Double R
L'auto ha la capacità di passare da 0 a 100 km/h in soli 3,2 secondi, una performance eccellente per questo tipo di auto. Questo la colloca nella categoria delle vetture super-leggere come tutte le altre vetture sportive della stessa categoria.

"La dichiarazione del vice premier Luigi Di Maio è stata prontamente smentita da Matteo Salvini: l'Italia resta in una posizione che, rispetto alle intenzioni, non è chiara". Salvini ha fatto un chiaro riferimento alla Sea-Watch 3 e alla Sea-Eye: "Quei generosi si sono rifiutati di obbedire a indicazioni precise che erano state impartite: business, soldi, quattrini, io non mollo". Questo è un problema che potrebbe costituire un precedente e dovremo essere vigili al riguardo.

Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Toninelli, in merito alla questione afferma: "Siamo pronti a dare una lezione all'Europa accogliendo donne e bambini a bordo delle navi Sea-Watch3 e prof Albrecht Penck, ma tutta la Ue deve farsi carico del problema, a partire da Germania e Olanda, paesi le cui bandiere sventolano sulle due imbarcazioni". "Ma le due Ong hanno invertito la rotta, ora sono a ridosso delle coste maltesi ed è giusto che sbarchino lì, viste anche le condizioni del mare in peggioramento". Il vicepremier e ministro del Lavoro ha dato la disponibilità dell'Italia ad accogliere donne e bambini, ma le fonti maltesi rifersicono che il governo di La Valletta non avrebbe apprezzato le critiche nei confronti di Malta e l'idea di separare le famiglie accettando di far arrivare solo donne e bambini. "Darò mandato alle strutture del mio ministero di valutare eventuali accertamenti di natura disciplinare visto che nessuna Autorità di sistema portuale italiana può arrogarsi prerogative che travalicano le sue funzioni amministrative".

Comments