Cesare Battisti arrestato in Bolivia da una squadra speciale dell'Interpol

Adjust Comment Print

Il 18 marzo del 2007, dopo tre anni in clandestinità, viene arrestato a Rio de Janeiro e incarcerato a Brasilia.

Nel 2015, Battisti è stato tratto in arresto per poche giorni a causa del suo permesso di soggiorno scaduto.

LA VICENDA - Ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, Battisti è stato condannato in Italia a due ergastoli per quattro omicidi: in due di essi, quello del maresciallo Antonio Santoro, avvenuto a Udine il 6 giugno del '78, e quello dell'agente Andrea Campagna, avvenuto a Milano il 19 aprile del 1979, il terrorista sparò materialmente.

Tra l'altro: Matteo Salvini esulta ogni giorno per il diminuito numero di sbarchi, ma non racconta che quelli non sbarcati si trovano ora, per una buona parte, in Libia nelle mani di terroristi alla pari di Cesare Battisti. L'ex terrorista aveva fatto perdere le sue tracce a dicembre dopo che era stato spiccato nei suoi confronti un ordine di cattura dopo la promessa dell'estradizione fatta all'Italia dal presidente brasiliano Bolsonaro.

Battisti fu fermato a Corumbà, nello stato di Mato Grosso del Sud, alla frontiera con la Bolivia, mentre cercava di attraversare il confine con dollari ed euro non dichiarati. Ma Battisti aveva già lasciato il Brasile: a Cananea, sulla costa di San Paolo, dove risiedeva, non lo vedevano da novembre.

Uomini e Donne, trono classico: Andrea Cerioli in lacrime
Durante le esterne stavo bene con lei, non lo nego, e nonostante la differenza di età riuscivo a passare delle ore spensierate. L'ex tronista nel frattempo, ha pubblicato una foto al fianco delle sue migliori amiche ringraziandole per la vicinanza.

"Cesare Battisti è stato preso!" Arriva con l'ascesa in Brasile di Bolsonaro. Il quale promette di "restituirlo" a Roma, come "regalo" per il ministro dell'Interno Matteo Salvini. Un team composto da polizia italiana, Criminalpol e Antiterrorismo aveva rafforzato la collaborazione con i colleghi di Brasilia. Quando si è visto riconosciuto e arrestato, non ha opposto resistenza e non ha detto una parola.

In Francia, Battisti ha vissuto traducendo in italiano romanzi di autori noir francesi, provando ad aprire una lavanderia e facendo vari lavori, come il portinaio dello stabile in cui risiedeva. E' un nodo che verra' sciolto nelle prossime ore. "Il ministro ha pubblicamente ringraziato anche gli investigatori, a partire da Polizia e Intelligence".

"C'è ancora una speranza per Battisti". Il mio primo pensiero va oggi ai famigliari delle vittime di questo assassino, che per troppo tempo si è goduto una vita che ha vigliaccamente tolto ad altri, coccolato dalle sinistre di mezzo mondo. È finita la pacchia.

A quel punto però la primula rossa degli 'anni di piombo' si volatilizza di nuovo, fuggendo in Brasile sotto falsa identità, a suo dire con l'aiuto dei servizi segreti francesi. In quest'ultimo caso, poi, all'omicidio, si aggiunse un'ulteriore tragedia: nel corso della colluttazione, il figlio del gioielliere, Adriano, venne colpito da una pallottola sfuggita al padre prima che questi cadesse, e da allora, paraplegico, é sulla sedia a rotelle.

Comments