Il padre di Coric: "Costretti ad accettare la Roma"

Adjust Comment Print

Nonostante il proposito futuro di Monchi è di 'italianizzare' la Roma, il ds rimane molto attento alle occasioni di mercato. Lui mi ha risposto che c'è molta concorrenza in quel ruolo, ci sono tre giocatori italiani (Cristante, Lorenzo Pellegrini e Zaniolo, ndr) sopra di lui. Quella di Kabak rischia però di non essere più tale.

Non c'è solo la Roma sul 18enne di Ankara, ma diversi club europei disposti anche a bypassare il discorso della clausola rescissoria (7,5 milioni) pur di aggiudicarsi il difensore.

Il padre di Coric si riferisce a dei sondaggi da parte di Sassuolo, Cagliri e Parma. Anche perché il rischio che il prezzo lieviti oltremodo è dietro l'angolo.

Coppa Italia, Napoli-Sassuolo 2-0: Milik e Fabian Ruiz spingono Ancelotti ai quarti
Ma nell'azione successiva il Sassuolo pareggia con Locatelli lasciato solo in area. Il primo tempo è così vissuto sul filo dell'equilibrio.

ANTE I GIALLOROSSI Intanto a Trigoria hanno aperto un nuovo capitolo sui padri ingombranti. "Di Francesco mi ha detto che in questo momento è la quarta scelta, speriamo di vederlo comunque in campo nell'arco delle tre competizioni stagionali" ha concluso. Quando la Dinamo ci ha detto che lo avrebbero ceduto, eravamo disposti ad accettare qualsiasi destinazione tranne l'Italia e la Francia, ma siamo stati costretti a scegliere la Roma.

Parole che una volta rimbalzate nella Capitale hanno creato il caso.

Queste le dichiarazioni piuttosto clamorose del padre del giovane centrocampista: "Ante mi ha chiamato e mi ha detto che la Roma non lo lascerebbe partire, ci sono offerte concrete e lui non vuole giocare in Italia". Sono stato onorato sin da subito dell'opportunità di vestire la maglia della Roma e il mio obiettivo è continuare a farlo più a lungo possibile.

Comments