Spagna, bimbo nel pozzo: anche un robot-sonda per trovare Yulen

Adjust Comment Print

Per via della circonferenza ridotta del pozzo, i soccorritori non possono calarsi all'interno per cercare di recuperare il piccolo Yulen. Su Twitter ha dichiarato di condividere "l'angoscia della famiglia del bambino" e ha chiesto di avere "la speranza" che la vicenda si concluda "con il miglior esito".

Il bimbo è caduto in un pozzo lungo 110 metri, di 25 cm. di diametro a Totala'n, nella periferia di Malaa, a sud della Spagna. Per cui la guardia civile, che coordina le operazioni, ha avviato un piano alternativo, con l'escavazione di una galleria orizzontale, fa i 50 e gli 80 metri di lunghezza, per tentare di arrivare al piccolo, finora non localizzato. Per il salvataggio, si procede non solo con l'aspirazione del terriccio, ma anche cercando di rafforzare le pareti di perforazione, in modo da proteggerle da possibili frane, e con uno scavo a a cielo aperto sull'altro lato della montagna.

'E' sempre bello', singolo di Coez: presentazione a Milano e Roma
Ad oggi, singolo e album sono ancora in classifica vendita FIMI/GfK. "Ci si deve perdonare, ogni tanto", sottolinea Coez . Scritto da Coez e prodotto da Niccolò Contessa dei Cani, È sempre bello è uno slogan emotivo, romantico e disilluso.

Il rumore delle trivelle con cui i soccorritori provano a scavare una cavità parallela per raggiungere il piccino, precipitato domenica nella fossa di prospezione per l'acqua mentre giocava nei campi a Totalán, vicino Malaga, scandisce il ritmo dei minuti, che corrono inesorabili. Intanto le squadre di soccorso, che hanno mobilitato un centinaio di uomini, non conoscono le condizioni del bambino, imprigionato da circa 48 ore nel pozzo, nel quale è stata recuperata solo una busta di caramelle che aveva con sé al momento della caduta. Fuori dal pozzo, la disperazione dei genitori, Vicky e José Rocìo, due ventenni di Malaga che nel 2017 hanno perso già un figlio. So che dal primo all'ultimo tentano di aiutare, ma non vedo i mezzi che sarebbero necessari in questi momenti.

"Con mia moglie siamo a pezzi, siamo morti". Quanto al ritrovamento nel pozzo dei capelli, i resti biologici che coincidono con il Dna di Julen, il papà non ha mostrato sorpresa: "Per molti lo sarà, non per noi, che lo sapevamo". Non mi posso muovere da qui. Il sindaco di Totalán, Miguel Angel Escao, ha riconosciuto la necessità di improvvisare sul terreno le varie soluzioni, tutt'ora inefficaci. Una storia che ricorda molto quella di Alfredo Rampi, e che nel giugno 1981 tenne tutta Italia incollata al televisore per seguire la diretta Rai di 18 ore. Dopo quasi tre giorni di tentativi falliti di salvataggio, Alfredino morì dentro il pozzo, ad una profondità di 60 metri.

Comments