Di Maio, autostrade: tariffa unica senza casello e via i Benetton

Adjust Comment Print

"Noi non abbiamo dimenticato la promessa fatta dai familiari delle vittime del cavalcavia di Avellino e del ponte Morandi. In Italia deve sparire il casello: se devo usare l'autostrada posso usare un abbonamento a livello nazionale, pago 30-40 euro all'anno e i soldi vanno in una società statale per fare gli investimenti".

In una diretta web Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista annunciano che il taglio della concessione ad Autostrade si può fare. "Noi vogliamo togliere la concessione alla famiglia Benetton che da quando è entrata in Autostrade ha aumentato le tariffe del 30% ma ha ridotto gli investimenti" ha detto Di Maio.

Naturalmente, nel proporre l'abolizione dei caselli nel nostro Paese si deve tenere in considerazione - tra le altre cose - la rete enormemente più estesa, che comporterebbe non solo un aumento dell'abbonamento annuale (in Slovenia, Paese decisamente più piccolo dell'Italia, la vignetta annuale costa circa 110 euro) ma anche un dispiegamento di risorse non indifferente per verificare che tutti gli automobilisti che viaggiano in autostrada abbiano acquistato la vignetta.

Meningite in Toscana, gravissima una ragazza di 25 anni
La tipizzazione eseguita dal laboratorio del Meyer, centro di riferimento regionale, ha dato esito positivo per il meningococco di tipo B per la ragazza.

Roma, 14 gen. (askanews) - Le tariffe di Autostrade per l'Italia sono tra le più basse nell'Ue e dalla privatizzazione la società ha realizzato investimenti per 13,6 miliardi di euro.

Il ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli, è intervenuto spiegando che Autostrade pagherà tutte le spese per la ricostruzione del ponte Morandi. Insomma, ci sarebbe il via libera leghista. All'opposto, Stefano Fassina (LeU) si dice favorevole alla nazionalizzazione, ma chiede che "il Governo presenti in Parlamento una proposta chiara e si proceda". La società ricorda che le tariffe autostradali italiane "sono in media le più basse d'Europa nei Paesi comparabili", e anzi "sono circa il 40% più basse rispetto a quelle applicate in Spagna e circa il 15% inferiori rispetto a quelle francesi: sulla rete italiana si paga 7,36 centesimi di euro/km contro gli 8,73 di Francia e i 12,13 di Spagna".

Comments