In Brasile crolla una diga: 200 i dispersi

Adjust Comment Print

Questo numero potrebbe però essere più alto: secondo la Vale, infatti, circa 300 persone lavoravano nello stabilimento di Brumadinho, e Schvartsman ha sottolineato che la maggior parte delle vittime del crollo dovrebbero essere suoi dipendenti.

Secondo quanto reso noto dalla società Vale, proprietaria dell'impianto, il crollo si è registrato nel primo pomeriggio di ieri a Mina de Corrego do Feijao. L'ondata di fango e rifiuti ha investito vari edifici dell'azienda e il villaggio di Vila Ferteco, nel territorio di Brumadinho.

La compagnia mineraria era già stata coinvolta in un disastro simile nel 2015, quando il crollo di una diga aveva causato la morte di 19 persone e un immenso disastro ambientale.

Milan, Piatek: "Sono pronto, voglio portare i rossoneri in Champions"
Leonardo ha evitato di polemizzare con il "Pipita": "Oggi Gonzalo non c'è più, rispettiamo le sue scelte". Le avversarie sono state avvertite, la punta vuole essere decisiva per portare i rossoneri in Champions.

In un messaggio pubblicato su Twitter dopo aver sorvolato il luogo del disastro, Bolsonaro ha promesso che "faremo tutto il possibile per assistere le vittime, contenere i danni, accertare i fatti, garantire la giustizia e prevenire nuove tragedie come quelle di Mariana e Brumadinho, per il bene dei brasiliani e dell'ambiente". Il capo dello Stato ha anche annunciato che domani andrà a visitare il luogo del crollo. Lo ha detto il governatore dello Stato di Minas Gerais, Romeu Zema, citato dalla Bbc online.

Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha visitato la zona colpita dalla valanga di fango e residui metallici.

Soccorritori ancora disperatamente al lavoro, in Brasile, per salvare circa 300 persone disperse dopo il crollo di una diga di scarti minerari nel sud-est del paese, nello stato del Minas Gerais.

Comments