Lazio, Inzaghi: "Caceres era scontento. E nessuno rifiuta la Juve"

Adjust Comment Print

Lo ha detto Simone Inzaghi, allenatore della Lazio, alla vigilia della sfida contro la Juventus. Ha qualità tecniche ottime ed è un ragazzo molto generoso che si è inserito bene nel contesto. Ci servirà una prova composta da tutte le componenti: "testa, cuore e gambe". Non sono riuscito a dare la maglia da titolare fisso che chiedeva Martin, ma non mi ha mai creato problemi e si è sempre allenato bene. "Posso utilizzare Parolo all'occorrenza, ma indipendentemente dal modulo conteranno le motivazioni che metteremo in campo". Noi, naturalmente, speriamo che non ci riesca proprio nella giornata di domani. Quando ha giocato ha sempre dato il meglio, se resterà allora faremo di tutto per reintegrarlo. Nel primo tempo, dopo un inizio discreto, abbiamo lasciato troppo possesso al Napoli.

Cristel Carrisi scoppia in lacrime ricordando la sorella Ylenia
Dalla loro storia d'amore sono nati due figli, Jasmine (2001) e Albano Jr (2002). Prima Adriano Celentano , ora Al Bano .

Anche in casa Lazio tiene banco il mercato dall'addio di Caceres al rientro di Lukaku: "Io voglio giocatori entusiasti di restare qua. Nel secondo tempo siamo andati bene, ma siamo rimasti in 10 sul 2-1". Se un giocatore viene da me e mi dice che non è contento, non lo trattengo. "Mi ha chiesto di giocare di più e, quando arriva la Juve, nessuno al mondo può dire di no. Gli auguro tutto il bene possibile". "Anche Jordan a inizio settimana mi ha manifestato la voglia di giocare con continuità. Ieri ha avuto delle complicazioni con il Newcastle, da domani sarà di nuovo con noi e non ci sarà nessun problema". Credo comunque che possa recuperare. "Ci potrà dare una mano". Osservato speciale, ovviamente, Cristiano Ronaldo: "E' il più forte al mondo insieme a Messi e in Italia si è adattato velocemente". Dovremo essere bravi a far sì che gli episodi siano dalla nostra parte, queste partite sono nelle nostre corde e abbiamo bisogno di punti nei big match.

Comments