Russiagate: arrestato e rilasciato Roger Stone, alleato di Trump

Adjust Comment Print

Gli agenti dell'Fbi hanno bussato alla sua porta prima dell'alba. Si è sempre dichiarato innocente. La Casa Bianca ha minimizzato le conseguenze della vicenda sulla presidenza. Si tratta dell'indagine che riguarda i rapporti che Trump avrebbe avuto con esponenti del governo russo per ottenere materiale da usare per screditare politicamente la sua avversaria Hillary Clinton.

Durante uno degli ultimi colloqui intrattenuti con i titolari dell'inchiesta, Stone aveva ammesso di aver avuto una corrispondenza con un account particolare, tale Guccifer 2.0, un utente che, secondo gli inquirenti (su indagini dell'Intelligence americana), celava 007 russi intenti ad allestire un attacco hacker nei confronti degli Stati Uniti, in particolare ai membri del partito Democratico. E festeggiò puubblicamente le rivelazioni di Wikileaks che diffuse una serie di e-mail rubate dal computer della Clinton.

L'arresto è avvenuto a Fort Lauderdale; Stone è atteso quindi nelle prossime ore in tribunale, dove gli saranno contestati sette reati. Spiegando come si dichiarerà "non colpevole" e assicurando che non testimonierà mai contro il presidente Trump.

Serie A: Milan-Napoli una giocata su tre per la vittoria rossonera
I bookmakers non si sbilanciano riguardo al numero dei gol: l'Under 2 ,5 è dato da 1,80 a 1,85, l'Over 2,5 da 1,85 a 1,90. Gara valida per la 21/a giornata del campionato di Serie A , in programma sabato 26 gennaio 2019 , ore 20 :30.

"Le accuse a Stone non hanno nulla a che fare con il presidente, con la Casa Bianca", ha detto la portavoce della Casa Bianca Sarah Sanders in un'intervista con la CNN.

Stone è la sesta persona appartenente all'inner circle di Donald Trump ad essere incriminata.

Stone, amico ed ex consigliere del presidente statunitense, è stato arrestato dall'Fbi su ordine del procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle scorse elezioni presidenziali e sui possibili legami tra lo staff di Trump e il Cremlino.

Comments