Manara prende le distanze da 'Adrian'

Adjust Comment Print

Il cartone è stato sommerso di polemiche e critiche anche per il modo ambiguo e oggettificato di dipingere la figura della donna.

"Confesso di aver sabotato coscientemente l'audience di Canale 5 dicendo solo 13 parole".

Insomma, che ne pensate in proposito?

Nel frattempo è intervenuto anche Milo Manara, che ha preso le distanze da Adrian. Specifica che il suo ruolo in questo progetto è stato quello di fare il character design dei personaggi e che lui non ha contribuito e non è stato messo al corrente dello sviluppo dell'animazione.

Nonostante sia stata allungata l'anteprima in diretta da Verona fino alle 22.40, con l'aggiunta di un'ospite femminile accanto ai comici già presenze fisse delle scorse puntate e l'esibizione dal vivo di Celentano in Pregherò e un rock'n'roll, la serie-evento perde ancora una volta la sfida degli ascolti. Un classico esempio di victim blaming cui si è cercato di riparare affidando alla Pastorelli un intenso monologo atto a ribadire che nessuna vittima di violenza se l'è mai cercata, a prescindere da come abbia potuto interagire col suo molestatore.

Sea Watch, "non accogliamo i 47 migranti". Dall'Olanda altro no all'Italia
E ha aggiunto: " Sembra che noi navighiamo in un mondo senza norme, sia internazionali sia dell'Unione europea ". Sea Watch , Pm: blitz parlamentari? Ed emergono anche storie di giovani torturati in Libia e usati come schiavi.

Il pubblico del Camploy ha accolto entusiasta l'arrivo di Adriano sul palco. Alcuni di questi suoi disegni sono finiti nella parte animata e non dovevano finirci. Adesso tocca capire e vedere cosa si inventerà per le sei restanti puntate di Adrian.

Il polverone intorno ad Adrian è stato uno dei più recenti fenomeni del web, al punto da costringere anche membri del clan Celentano a intervenire in difesa del capofamiglia. Il cartoon ideato, scritto e diretto da Adriano Celentano, continua a tenere banco nel dibattito televisivo italiano.

E fa discutere, in particolare sui social, l'intervento nello show dell'attore Giovanni Storti che parlando di migranti ha detto: "Quei pullman mi fanno pensare ai treni di diversi anni fa".

L'associazione Noiconsumatori tramite gli avvocati Angelo e Sergio Pisani presenterà querela contro la trasmissione di Canale 5 per la rappresentazione di Napoli quale capitale di mafia. Verrà chiesto il risarcimento danni da devolvere in beneficenza e pubblica utilità, ha fatto sapere l'avvocato.

Comments