Milan-Napoli, la probabile formazione rossonera, c'è Piatek

Adjust Comment Print

Milan-Napoli | Domani alle ore 20,45 Milan e Napoli torneranno a incontrarsi allo stadio San Siro per i quarti di finale della Coppa Italia 2018-2019, dopo appena tre giorni dalla sfida di campionato e a 29 anni dalla loro ultima partita nel torneo. Prima volta dal 1' in rossonero per Piatek, mentre Ancelotti rigetta nella mischia l'uomo mercato Allan. Scalpitano per una maglia da titolare anche Ghoulam e Diawara, probabile turno di riposo in avanti per Milik a beneficio del tandem leggero Insigne-Mertens, mentre a centrocampo ci sarà in ogni caso Fabian Ruiz, squalificato in Serie A. Indicazioni da prendere con le pinze, dato che il tecnico partenopeo ha abituato a stupire. Cambia poco, a dire il vero, pure con gli ingressi di Mertens e Ounas. Sabato, soprattutto nel primo tempo, la squadra è apparsa lenta, macchinosa e prevedibile. Rispetto al match di campionato, Ancelotti dovrà invece fare a meno di Albiol e Hysaj non convocati per affaticamento muscolare.

" Mi ricorda Tomasson, ha caratteristiche ben precise". Questo è qualcosa di bello. Cutrone andrà in panchina. In attacco, come detto, sarà Piatek a completare il reparto con Suso e Calhanoglu. Il trio di centrocampo sarà, infine, composto da Bakayoko, Kessié e Paquetà. "Dobbiamo avere voglia di giocare e di palleggiare". In porta, con Reina infortunato, spazio a Gianluigi Donnarumma; in linea di difesa si scaldano Calabria, Musacchio, Romagnoli e Rodriguez.

Paura a "Vieni da me": spettatrice sviene in diretta in studio
Durante l'intervista a Paola Saluzzi una signora del pubblico si è sentita male. "Scusate ma non riesco ad andare avanti". Caterina Balivo ha così tranquillizzato gli spettatori: "Mi dicono che la signora adesso sta bene".

Milan (4-3-3): Donnarumma; Abate, Musacchio, Romagnoli, Laxalt; Kessie, Bakayoko, Paquetá; Castillejo, Piatek, Borini.

Cosa manca per ridurre il gap con Juventus e Napoli? Dal classico "noi non siamo napoletani" al 'must' di buona parte dei gruppi ultrà del Nord... ovvero quello che sui cani che scappano per la puzza dei napoletani "colerosi, terremotati, che col sapone non vi siete mai lavati". Per tornare competitivi bisogna avere continuità nelle prestazioni, nel gioco e nella mentalità. La vincente di Milan-Napoli affronterà in semifinale la vincente di Inter-Lazio.

Comments