Migranti: Martina, 'fateli sbarcare da Sea Watch'

Adjust Comment Print

"E' una situazione che si ripete", dice a proposito della Sea Watch. E infatti dirigenti e militanti del Pd regionale sono riusciti a compiere l'ennesima trasmutazione: da renzianissimi a zingarettiani "senza se e senza ma". "Se vince Zingaretti tornano loro e torna la ditta, se vinciamo noi no". "Un ringraziamento a tutte le persone che hanno partecipato ed hanno collaborato alla riuscita delle convenzioni". Dieci punti di distacco sono tanti, ma non impossibili da recuperare, almeno alle primarie del 3 marzo, quando il bacino di elettori sarà più ampio.

Il messaggio è arrivato, forte e chiaro, anche al resto del partito. A Cosenza (votanti 6.123, schede valide 5.850), raggiunge il 66% (3.861 voti), che gli permettono di eleggere 11 delegati nella convenzione provinciale. A Martina spetta la seconda piazza (1.062 voti per il 33,7%) mentre Giachetti-Ascani le preferenze sono state 672 (21,3%). A seguirlo Maurizio Martina e Roberto Giachetti. Insomma, si profila il temuto rischio igienico-sanitario, che, come ha spiegato il procuratore di Siracusa, Fabio Scavone, è all'attenzione dell'ufficio giudiziario che ha già aperto un Fascicolo 45 senza reati nè indagati.

Gli fa eco il capogruppo del Pd a Palazzo Madama Andrea Marcucci.

CATANZARO INCERTA Ancora incerti i risultati di Catanzaro.

Gilet gialli, roghi e cariche dei poliziotti alla Bastiglia
Tensione e scontro con la Polizia , che ha dovuto con una gigantesca ruspa separare le barricate che si erano formate. A Marsiglia il corteo di protesta è iniziato alle 14.00 nella zona del vecchio porto.

Zingaretti 2094 49,05% Martina 1735 40,6% Giachetti 388. "La cosa bella di D'Alema è che puoi sempre contare sul fatto che si lasci fuori da solo". Nel frattempo a far salire ulteriormente la tensione intorno alla corsa per la Segreteria, è stato l'endorsement di Massimo D'Alema per Nicola Zingaretti. Non pervenuti Boccia (52 voti), Corallo (55) e Saladino (14).

A CROTONE OLTRE IL 70% Nessuna incertezza, invece, nel Crotonese, dove Zingaretti distanzia di gran lunga tutti gli altri pretendenti. Così come confermano che nessuno, dopo il voto nei circoli, raggiunge il 50% dei consensi.

Intanto a Roma, al grido di 'fateli scendere' tra decine e decine di persone, nonostante la pioggia, si è svolta davanti a Montecitorio la manifestazione 'Non siamo pesci', convocata da Radicali Italiani e A Buon diritto, presenti, tra gli altri, alcune delle personalità che hanno aderito all'appello lanciato da Luigi Manconi, tra cui Sandro Veronesi, Alessandro Bergonzoni, Sonia Bergamasco e Gad Lerner.

Anche in Sicilia il voto è stato contestato in diversi circoli. L'iter è, insomma, piuttosto complicato.

Comments