Sea Watch, "tra poche ore lo sbarco" La Prefettura di Siracusa smentisce

Adjust Comment Print

Alla mancata autorizzazione allo sbarco da parte della Capitaneria di porto, si è aggiunto l'isolamento di fatto a cui l'imbarcazione è stata consegnata dall'ordinanza, diramata ieri dalla stessa Capitaneria, che vieta l'avvicinamento a meno di 500 metri. Dall'altra però sulla nave della Ong pende l'accusa di aver deliberatamente punatato verso l'Italia nonostante le condizioni meteo avverse, invece di cercare riparo nel più vicino porto tunisino. "La ministra ha assicurato che sulla Sea Watch non c'è nessuna emergenza sanitaria - hanno denunciato - ma allora perché è stato disposto un blocco di avvicinamento per ragioni sanitarie?".

"Non è più ammissibile ritardare lo sbarco di 47 esseri umani", con questa convinzione un gruppo di albergatori siracusani ha deciso di lanciare un appello alle istituzioni italiane proponendo di ospitare a proprie spese il gruppo di migranti bloccati ormai da settimane, dopo un naufragio nel Mediterraneo, a bordo della nave Sea Watch ora ferma davanti al porto della città siciliana. Parlando del progetto in Transatlantico, precisa che non si tratta di un blocco navale ma di "norme già esistenti".

Bambino si perde nel bosco: salvato da un orso
Immediatamente sono scattate le ricerche, con elicotteri, droni, unità cinofile e sommozzatori, ma del bambino nemmeno l'ombra.

Dal Pd si fa sentire Maurizio Martina che, indagato per la visita sulla Sea Watch, asserisce: "In questo paese i prepotenti al governo fuggono dai processi anche quando hanno violato la legge". Al momento passeggeri che hanno necessita' di ricovero non ce ne sono state segnalate. Lo dice il ministro dell'Interno Matteo Salvini auspicando che, "in base alla documentazione racconta, venga aperta un'indagine per fare chiarezza sul comportamento della Ong". "Abbiamo denunciato una cosa rilevante questa settimana: la Francia stampa una moneta per i paesi africani - ha detto il leader M5s - che le consente di avere il diritto di prelazione sulle risorse che importa. Il comune di Siracusa, quindi, continua a lavorare per approntare tutte le misure necessarie al sostegno dei propri cittadini in difficoltà, ma resta la necessità che la popolazione Siracusana, tutta, collabori".

Comments