La Guardia costiera ha trovato irregolarità sulla Sea Watch

Adjust Comment Print

"Stiamo ragionando su come procedere anche nei confronti dell'equipaggio e di questa Ong con bandiera olandese e di nazionalità tedesca; quindi, se abbiamo certezze su quello che accadrà, procediamo".

Dei 47 migranti, sono quindici i minori non accompagnati a bordo.

Brexit, Juncker chiude a May: "L’accordo non sarà rinegoziato".
L'accordo per la Brexit già negoziato con il Regno Unito resta " l'unico e il migliore accordo possibile ". Intanto la premier Theresa May continua a cercare una soluzione per uscire dall'impasse.

La settimana scorsa il ministro aveva fatto sapere che "la SeaWatch avrebbe potuto puntare da subito verso la Tunisia per cercare riparo dal maltempo incombente, ma ha preferito girare la prua in direzione Lampedusa" e "ha deciso di sfidare il mare, puntando verso le coste siciliane che si trovano a oltre 100 miglia da Lampedusa". Scattano foto e fanno video con i loro telefonini. Accanto agli agenti, le associazioni umanitarie ed i medici della Croce Rossa.

Dei 47 sbarcati 47, 15 sono minori tra i 14 e 17 anni: 6 del Senegal, 7 dalla Guinea Konakry, 1 dal Sudan e 1 dalla Guinea Bissau. Dall'altra parte del molto qualcuno ha esposto uno striscione con la scritta: "Stop the attack on refugees", basta attacchi ai rifugiati. "Al termine delle operazioni di sbarco, gli ispettori della Guardia Costiera di Catania, militari specializzati del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera in sicurezza della navigazione, sono saliti a bordo della Sea Watch 3 per eseguire una verifica tecnica sulle condizioni della nave ai sensi della UNCLOS (La Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare)". Il porto di attracco è stato indicato ieri pomeriggio, ma l'imbarcazione era bloccata da un guasto al verricello, che è stato riparato durante la notte. Da fonti legali della Ong si apprende che, al momento, nessun passaporto è stato ritirato, che non esiste una comunicazione di divieto di ripartenza e che nessuna convocazione è stata diramata dalla Procura di Catania. Voglio ringraziare - scrive ancora Toninelli - le Capitanerie di Porto per il loro grande lavoro sul fronte della legalita'. L'iniziativa, partita formalmente da Torino, vede tra i firmatari anche l'europarlamentare Eleonora Forenza. L'ipotesi di reato è di omissione di atti di ufficio: i pm dovranno valutare l'attività svolta su questa vicenda dal Centro di coordinamento di ricerca e soccorso della Guardia costiera italiana.

Comments