Genoa, Perinetti: "Siamo stati costretti a vendere Piatek"

Adjust Comment Print

L'ex attaccante di Roma e Sassuolo, che il Genoa ha prelevato dal Betis durante il calciomercato invernale, ha il difficile compito di raccogliere l'eredità di Piatek, passato al Milan a gennaio: "Io il nuovo Piatek?" Un Piatek che Sanabria ha ammesso candidamente di non aver mai visto giocare. Il brasiliano prima ha scovato e beffato il PSG per la nuova stella del calcio brasiliano, poi si è piombato e assicurato il capocannoniere della Serie A grazie anche alla collaborazione di una società amica come il Genoa.

Ai microfoni di Tuttomercatoweb.com, il dg del Genoa, Giorgio Perinetti, ha parlato della cessione si Piatek al Milan: "Genoa grande protagonista del mercato". La prima avventura in Serie A non è stata buona perché sono arrivato in questo Paese molto giovane, avevo solo 17 anni.

Diciotti, Salvini sentito dalla Giunta entro 7 giorni: M5s diviso sul voto
Il diretto interessato ostenta tranquillità: " Non c'è nessun pericolo per il governo , non rischia assolutamente". Ci sta e difatti ha seguito la procedura, chiedendo di poter procedere contro il ministro dell'Interno.

A giudicare dall'esordio in Empoli-Genoa, Antonio Sanabria dimostra di non sentire il peso della responsabilità di dover sostituire Piatek trasferitosi al Milan. "Ma le dinamiche del mercato sono queste... il calcio business non piace, ma se un calciatore ha la possibilità di prendere molti più soldi e fare il salto non puoi non accontentarlo".

E ora per Antonio Sanabria sfida particolare, proprio contro il Sassuolo, una delle sue ex squadre. "Secondo me abbiamo lavorato bene sul centrocampo". Futuro? Non penso a giugno, penso solo ai prossimi allenamenti, alle prossime partite.

Comments